Cheratosi attinica: foto, cause e prevenzione

La cheratosi attinica è un tumore precanceroso sulla pelle causato dall'esposizione prolungata alla luce ultravioletta. È anche conosciuta come la cheratosi solare.

La cheratosi attinica si manifesta spesso in gruppi di diversi tumori. La malattia si manifesta il più delle volte in aree del corpo che sono regolarmente esposte alla luce solare.

Un tumore precanceroso significa che la condizione può progredire verso il cancro se non viene trattata.

Cos'è la cheratosi attinica?

La cheratosi attinica assomiglia a macchie ruvide e irregolari che si formano sulla pelle. Di solito si trova sul cuoio capelluto, sul retro, sul viso, sulle orecchie, sul retro degli avambracci, sul collo e sulle spalle.

Le dimensioni del tumore vanno da minuscole a 3 cm o più di diametro. Allo stesso modo, le variazioni di colore vanno dalla luce al buio in tutte le aree.

Un medico può diagnosticare visivamente la cheratosi attinica, ma può anche richiedere una biopsia cutanea.

La cheratosi attinica si sviluppa su un numero di anni. Nella maggior parte dei casi, le persone che si ammalano hanno più di 40 anni. I punti spesso crescono nel tempo.

I sintomi sono generalmente limitati a chiazze squamose, una pelle dura che si forma sul sito della lesione. Nella maggior parte dei casi, non ci sono altri segni di sintomi. Anche sotto la supervisione di un medico, molte persone avranno macchie ricorrenti per il resto della loro vita.

Lo sviluppo della cheratosi attinica aumenta il rischio di sviluppare il cancro della pelle. Se non trattato, può svilupparsi in carcinoma a cellule squamose.

aspetto

Sapere cosa cercare può aiutare una persona a rilevare la cheratosi attinica in precedenza per attirare la sua attenzione su un medico.

Due diversi casi di cheratosi attinica non saranno uguali, ma potrebbero avere le seguenti caratteristiche simili:

  • Scale rosse
  • Macchie sopraelevate
  • Punti duri
  • Trama di carta smeriglio

motivi

La cheratosi attinica viene regolarmente definita cheratosi solare. Questo nome descrive la causa della lesione cutanea, che è suscettibile di danni causati dalla luce ultravioletta (UV).

A differenza della solarizzazione, che è una risposta immediata all'esposizione prolungata alla radiazione ultravioletta, la cheratosi attinica richiede molti anni di costante esposizione al sole per lo sviluppo di lesioni.

Fattori di rischio

Nel corso del tempo, chiunque può sviluppare cheratosi attinica. Tuttavia, ci sono fattori di rischio che rendono le persone più inclini a questa malattia.

La cheratosi attinica può svilupparsi dopo diversi anni di esposizione alla radiazione ultravioletta.

La cheratosi attinica può svilupparsi dopo diversi anni di esposizione alla radiazione ultravioletta.
Questi fattori includono:

  • I quarantenni hanno un rischio maggiore
  • Lunga storia di scottature o esposizione al sole estremo
  • Vivere in un ambiente solare
  • Uso di lettini abbronzanti
  • Avere una storia di sviluppo della cheratosi attinica
  • Con capelli o occhi più chiari
  • Tendente a bruciare al sole

diagnostica

In molti casi, una persona nota una piccola area di pelle che si sviluppa con questa malattia. Come con tutti i cambiamenti della pelle o tumori appena scoperti, una persona dovrebbe consultare un medico il più presto possibile per iniziare a trattare eventuali problemi in una fase precoce.

Un medico o un dermatologo sarà probabilmente in grado di diagnosticare la cheratosi attinica con un semplice esame visivo. In caso di dubbio, è possibile eseguire una biopsia cutanea con un piccolo campione della pelle interessata esaminata in laboratorio.

Il campione viene spesso prelevato durante una visita dallo stesso medico o dermatologo, dopo un esame visivo e richiede solo un'iniezione analgesica.

prevenzione

I principali metodi di prevenzione della cheratosi attinica sono i cambiamenti dello stile di vita e la consapevolezza del rischio di esposizione ai raggi ultravioletti.

Una persona dovrebbe prendere le dovute precauzioni, come indossare cappelli, vestiti attillati e crema solare.

A volte è necessario evitare il sole per lunghi periodi di tempo.

Le persone dovrebbero evitare l'esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti all'interno o all'esterno.

È importante ricordare che questa condizione può derivare da qualsiasi fonte di radiazioni ultraviolette, inclusi i lettini abbronzanti.

trattamento

Mentre alcuni casi di cheratosi attinica possono essere risolti naturalmente da soli, si consiglia vivamente di consultare un medico. È necessario agire in quanto la condizione è considerata precancerosa.

Esistono diverse opzioni di trattamento che possono includere quanto segue:

  • farmaci
  • chirurgia
  • Terapia fotodinamica, uso di droghe e luce per uccidere le cellule tumorali

Trattamento farmacologico

Il trattamento di casi avanzati di cheratosi attinica comprende farmaci sotto forma di varie creme e gel. Alcune creme curative includono:

Queste creme e gel vengono applicati direttamente sulla pelle interessata. Possono causare effetti indesiderati in alcune persone, con la comparsa di un'eruzione cutanea, rossore e gonfiore nel sito di applicazione.

chirurgia

Nei casi in cui ci sono solo pochi punti, il medico può raccomandare di rimuovere l'area interessata con una piccola operazione. Due delle opzioni più comuni per la chirurgia sono il curettage e la crioterapia.

Curettage, include un dispositivo chiamato curetum, per rimuovere le cellule epiteliali danneggiate. In alcuni casi, immediatamente dopo questa manipolazione, viene utilizzata l'elettrochirurgia, in cui il medico utilizza uno strumento simile a una penna per distruggere e tagliare il tessuto interessato con una corrente elettrica.

Entrambe le procedure richiedono l'anestesia locale. Alcune persone hanno effetti collaterali, tra cui cicatrici, scolorimento e infezioni.

Il congelamento, chiamato crioterapia, rimuove i fuochi, congelandoli con azoto liquido. Il medico applica azoto liquido sulla pelle quando il freddo estremo provoca il distacco della zona interessata. Mentre la pelle guarisce, la lesione si attenua, appare una nuova pelle intatta.

La crioterapia è il trattamento più comune per la cheratosi attinica. Questo è in parte perché può essere fatto nello studio del medico e richiede solo pochi minuti. Gli effetti collaterali possono includere:

  • La struttura della pelle cambia
  • vesciche
  • Malattia infettiva
  • cicatrici
  • Decolorazione della pelle nel sito di trattamento

Terapia fotodinamica

La terapia fotodinamica comporta l'applicazione di una sostanza chimica sulla pelle interessata. Quindi il medico illumina la sostanza chimica con luce artificiale, che a sua volta uccide le cellule danneggiate e rimuove la cheratosi attinica.

Gli effetti collaterali possono includere arrossamento, gonfiore e sensazione di bruciore che possono essere avvertiti durante la procedura.

Il paziente e il medico sceglieranno l'opzione migliore insieme. In alcuni casi, possono esserci trattamenti regolari per le imperfezioni ricorrenti.

prospettiva

La cheratosi attinica è un marker di gravi cambiamenti della pelle e danni causati dall'esposizione alle radiazioni ultraviolette. Questi cambiamenti comportano un alto rischio di sviluppare il cancro della pelle.

Le persone che hanno una cheratosi attinica precoce di solito hanno una buona possibilità di eliminare il rischio di sviluppare il cancro. Tuttavia, se non trattata, la cheratosi attinica può svilupparsi nel cancro della pelle.

Dopo il trattamento, la persona dovrà prescrivere una visita annuale a un dermatologo e verificare la presenza di altri segni di cancro della pelle.

Cheratosi attinica

Cheratosi attinica o cheratosi solare è una malattia della pelle benigna che si verifica nelle persone di età superiore ai 50 anni. La cheratosi attinica si forma in aree aperte della pelle che sono intensamente esposte alle radiazioni ultraviolette. L'aspetto della cheratosi attinica sulla pelle indica un eccessivo fotodanneggiamento della pelle. Recentemente si è registrata una deludente tendenza alla crescita della cheratosi solare. Ciò è dovuto alla passione eccessiva abbronzatura letti e prendere il sole. Sfortunatamente, questa malattia appare non solo negli anziani, ma anche nei giovani. Molto spesso la cheratosi attinica si sviluppa nelle persone con fototipi di pelle I, II, III (secondo Fitzpatrick). Non dimenticare che la cheratosi attinica è una condizione precancerosa, che in alcuni casi si trasforma in carcinoma a cellule squamose della pelle.

Cause della cheratosi attinica

Le cause dello sviluppo della cheratosi solare sono i fotodanni della pelle, ottenuti durante tutta la vita. Nel processo di insolazione cronica, si verifica un danno ai cheratinociti (cellule epiteliali), che contribuisce allo sviluppo della cheratosi attinica.

L'esposizione prolungata alle radiazioni UV sulla pelle provoca danni al materiale genetico delle cellule epiteliali (cheratinociti), che successivamente causano la loro mutazione e porta a una rapida trasformazione dell'esplosione (il processo di rigenerazione cellulare e la loro riproduzione incontrollata).

Esiste un gruppo a rischio, che include le persone con le seguenti condizioni:

  • persone inclini alla pigmentazione cutanea compromessa;
  • le persone inclini alla manifestazione ereditaria della malattia;
  • Persone con fototipo di pelle I, II e III;
  • persone che hanno ricevuto pellicole fotografiche durante il corso della loro vita e la cui attività lavorativa è stata associata a un lungo passatempo all'aria aperta sotto la luce diretta del sole;
  • le persone che amano troppo l'abbronzatura nei lettini abbronzanti.

Sintomi, tipi e forme di cheratosi attinica

All'inizio, i sintomi significativi potrebbero essere assenti. Poi c'è una leggera eruzione sotto forma di macchie o piccoli papuli. Il loro colore varia dal grigio al marrone. Questa malattia non causa alcun dolore, fastidio o prurito. La fase successiva dello sviluppo della cheratosi attinica è caratterizzata dalla formazione di aree ruvide, che sono determinate al tatto dalla palpazione. Poi ci sono grandi sigilli sotto forma di nodi che si adattano perfettamente. Visivamente, tali nodi assomigliano a grappoli d'uva. I nodi sono localizzati principalmente nelle aree aperte della pelle che sono state esposte al sole per lungo tempo: sul viso, sugli avambracci, sul collo, sul dorso delle mani. Esistono cinque tipi di cheratosi attinica:

  • cornea;
  • eritematosa;
  • papillomato o verrucoso;
  • ipertrofica;
  • pigmentosa;
  • clacson.

Ci sono anche diverse forme di cheratosi solare:

  • forma ipertrofica;
  • forma atrofica;
  • forma di bowenoid.

La forma ipertrofica è la più innocua, è rapidamente trattabile e completamente guarita. Con lo sviluppo di questa forma, le lesioni si trovano sul viso, sul torace, sul collo e sulle mani.

La forma atrofica ha un corso più complesso. Si formano croste spesse sulle aree interessate e l'esame istologico del campione bioptico conferma la presenza di cellule anormali. Si osservano anche una crescita di una neoplasia e un cambiamento nel suo colore.

La forma Bowenoid è la più severa. Si manifesta con un danno significativo sia allo strato superficiale dell'epidermide che ai suoi strati profondi. A volte lo sviluppo di tumori può influenzare il derma, con conseguente infiammazione e necrosi dei tessuti. Lo spotting può essere osservato non solo quando una neoplasia viene traumatizzata, ma anche a riposo.

Diagnosi della malattia

La diagnosi della malattia si basa su un esame clinico, dermatoscopia digitale (diagnosi di malattie della pelle con un dispositivo speciale), ecografia della pelle e esame istologico. È necessario differenziare la cheratosi solare con la verruca volgare, il carcinoma a cellule squamose, il lupus eritematoso discoide, la malattia di Bowen, la cheratosi seborroica, il carcinoma basocellulare, i cheratopapillomi.

Trattamento della cheratosi attinica

Poiché è impossibile anticipare l'ulteriore sviluppo della malattia, si raccomanda la rimozione delle lesioni.

La cheratosi attinica viene rimossa con i seguenti metodi:

  1. Cryodestruction con azoto liquido. Questo metodo indolore ea breve termine è il più popolare nel trattamento della cheratosi attinica. Dopo la rimozione della cheratosi, può apparire una cicatrice iperemica.
  1. Raschiamento. Il metodo è caratterizzato dall'uso di uno strumento speciale, le curettes, con cui vengono raschiate le aree interessate. Questo metodo non si applica in caso di localizzazione della cheratosi attinica sul viso, poiché si forma una cicatrice visibile dopo il curettage.

Il trattamento topico conservativo della cheratosi comporta l'uso di creme, unguenti contenenti fluorouracile. Questi farmaci distruggono le cellule danneggiate della cheratosi solare, contribuendo a neutralizzare i processi cellulari negativi. Quando si usa il farmaco Imiquimod si osserva un buon effetto, attiva le funzioni protettive della pelle, che a sua volta determina il rifiuto indipendente delle croste cheratosiche. Peeling e dermabras chimici aiutano ad ammorbidire e distruggere lo strato superiore dell'epidermide, seguita dall'eliminazione della cheratosi attinica. Il trattamento fotodinamico prevede l'introduzione di un agente fotosensibilizzante, seguito dall'irradiazione laser per eliminare la lesione. Tuttavia, tutti i metodi sopra riportati non garantiscono il ri-sviluppo della malattia. In alcuni casi, si verificano recidive. Per questo motivo, è necessario osservare misure preventive.

Prevenzione delle malattie

La prevenzione della cheratosi attinica è di proteggere la pelle dalle radiazioni ultraviolette e in un esame regolare da parte di un dermatologo per la prevenzione e la diagnosi precoce della malattia maligna.

Cheratosi attinica: cause, trattamento e prevenzione

La cheratosi attinica è una malattia altrimenti nota come "cheratosi solare", "acantoma senile". Appare sulla pelle esposta alla luce solare diretta. Questa malattia compare in ogni quarto anziano e si manifesta con la formazione di aree di cheratinizzazione della pelle in luoghi aperti.

Devi sapere che questa è una condizione precancerosa facoltativa, in condizioni favorevoli, rinata nel carcinoma a cellule squamose. Tale trasformazione avviene in circa uno su 1000 pazienti. Il cancro allo stesso tempo scorre relativamente favorevolmente, con rare metastasi.

Cause e meccanismi di sviluppo

La cheratosi attinica si sviluppa a causa di un'esposizione prolungata o regolare della pelle alla luce solare o ai raggi ultravioletti con una lunghezza d'onda di 280-320 nm. Per 10-20 anni, un tale effetto non causa alcun cambiamento patologico (periodo di latenza).

La radiazione ultravioletta, che è parte della luce solare, causa gradualmente la distruzione del materiale genetico delle cellule della pelle. Allo stesso tempo, si trasformano in cellule anaplastiche (indifferenziate). C'è un cosiddetto carcinoma in situ - un tumore localizzato.

Le cellule atipiche sostituiscono gradualmente l'epidermide normale. Ciò porta a una violazione della cheratinizzazione (cheratinizzazione) dell'epidermide, riducendo la sua funzione protettiva. Pertanto, il processo di trasformazione cellulare viene gradualmente accelerato.

Ad un certo punto nel tempo, le cellule atipiche penetrano sotto la membrana basale, che separa lo strato superiore della pelle (epidermide) dal suo strato intermedio (derma). È in questo momento che il carcinoma viene trasformato in carcinoma a cellule squamose.

Fattori di rischio

La cheratosi attinica colpisce spesso le persone nei seguenti casi:

  • età avanzata;
  • vivere in una posizione meridionale o soleggiata in montagna;
  • scottature solari ripetute;
  • lavoro all'aperto permanente per professione (agricoltura);
  • pelle chiara, capelli rossi o biondi, occhi azzurri;
  • casi di cheratosi solare in famiglia;
  • lentiggini frequenti;
  • immunodeficienza a seguito di assunzione di immunosoppressori, farmaci chemioterapici, grandi dosi di ormoni glucocorticoidi, nonché nella sindrome da immunodeficienza acquisita;
  • stress mentale prolungato, stress costante, che porta alla deplezione della corteccia surrenale e inibizione della risposta del corpo al danno.

Quadro clinico

I sintomi della malattia di solito si verificano nelle persone di età superiore a 50 anni che trascorrono molto tempo al sole, più spesso negli uomini, perché sono meno spesso protetti dalla luce solare diretta. Le bionde con gli occhi luminosi soffrono più spesso. Le aree aperte della pelle sono interessate. Quindi, molto spesso si osserva cheratosi attinica della pelle del naso.

Soffre anche il cuoio capelluto, le guance, la fronte, le orecchie, il collo, le spalle, le mani e gli avambracci.

Inizialmente sulla zona interessata appare una placca rotonda o ovale con un diametro fino a 1 cm, di colore rossastro e leggermente infiammata. Sullo sfondo si può vedere la più piccola rete di vasi sanguigni dilatati - telangiectasia.

Al tatto la superficie della placca è ruvida, cheratinica. In alcune situazioni, l'eccesso di cheratinizzazione (ipercheratosi) si sviluppa in modo significativo e si manifesta con un ammasso di masse mortali di colore giallo o grigio. In questo caso, il sito può sollevarsi sopra la pelle e formare il cosiddetto corno cutaneo. La cheratosi attinica del viso (palpebra, fronte) è solitamente accompagnata da questo segno. In lunghezza, il corno cutaneo raggiunge 4-5 cm. Quando si diffonde, appare il rossore della pelle circostante, la sua infiammazione e indolenzimento.

La rimozione di squame e masse cheratinose è difficile, spesso causa dolore, perché sono saldati alla pelle sottostante. Se le scale possono ancora essere rimosse, mostrano erosione o una macchia atrofica.

In alcuni casi, il cheratoma senile è iperpigmentato, assumendo un colore marrone scuro. In questo caso, è difficile distinguerlo dalla verruca seborroica.

A volte le aree della cheratosi solare scompaiono spontaneamente, e dopo un po 'appaiono in un altro luogo.

La cheratosi attinica si sviluppa molto lentamente. La sua transizione verso la forma maligna - carcinoma a cellule squamose della pelle - avviene molti anni dopo la comparsa della malattia. È possibile sospettare una trasformazione maligna aumentando l'infiammazione della placca, la sua ulcerazione o ispessimento, la comparsa di prurito, dolore, sanguinamento.

Diagnosi differenziale

La cheratosi attinica dovrebbe essere distinta dal lupus - discoide e disseminata, oltre che differenziata dalla malattia di Bowen, dalla verruca seborroica, dal basalioma.

Per chiarire la diagnosi, il medico prende una piccola porzione della placca cornificata (biopsia) e la invia per esame istologico. Di conseguenza, è possibile stabilire con precisione la diagnosi e determinare la tattica del trattamento.

Trattamento della cheratosi attinica

Il trattamento di qualsiasi condizione precancerosa facoltativa viene eseguito da un medico della specialità pertinente, ma non da un oncologo. Nel caso della cheratosi attinica, un paziente viene monitorato da un dermatologo.

Metodi di rimozione hardware

Per rimuovere i focolai di acantoma senile utilizzare i seguenti metodi:

  • crioterapia;
  • la radioterapia;
  • diatermia;
  • terapia laser;
  • terapia fotodinamica;
  • trattamento chirurgico della cheratosi attinica.

Nelle aree aperte è meglio usare trattamenti a basso impatto. Per esempio, è desiderabile rimuovere la cheratosi attinica della pelle dell'orecchio con l'aiuto della radiazione laser, dopo di che non rimangono tracce.

È preferibile rimuovere le aree di cheratosi, dal momento che sono rare, ma continuano a entrare nel cancro della pelle. Il trattamento della malattia richiede fino a diversi mesi.

Con la crioterapia, l'azoto liquido agisce sulla placca. Congelandosi sulla superficie della pelle, lo danneggia. Successivamente, l'area congelata si stacca, si spegne, la pelle sottostante si schiarisce. Dopo la crioterapia, può rimanere iperpigmentazione (scurimento della pelle) o una piccola cicatrice. Il vantaggio del metodo è indolore e veloce.

È possibile rimuovere la placca usando la diatermocoagulazione - rimuovere la placca usando una corrente elettrica che crea calore. La procedura viene eseguita utilizzando l'anestesia. Dopo di ciò, possono rimanere anche cicatrici o scolorimento della pelle.

Ottimi effetti si ottengono usando un laser. "Evapora" le cellule cambiate, lasciando sano. Dopo un breve periodo di recupero, di solito non c'è traccia di placca sulla pelle.

La terapia fotodinamica prevede l'applicazione di una crema speciale sulla pelle colpita. Dopo alcune ore, il focolare viene elaborato utilizzando un raggio di luce. La procedura è indolore, ben tollerata e raccomandata per l'uso negli anziani.

Puoi provare a rimuovere l'educazione nel salone di cosmetologia dopo esserti consultato con un dermatologo e avere piena fiducia nella buona qualità del processo. L'estetista può eseguire peeling chimico (rimozione degli strati superficiali dell'epidermide con l'aiuto di sostanze chimiche aggressive), dermoabrasione - raschiare lo strato superficiale della pelle con una spazzola in rapido movimento.

Metodi medicinali e popolari

Se la rimozione chirurgica della cheratosi attinica non è possibile, a volte vengono utilizzati farmaci: una crema con un contenuto di fluorouracile che uccide le cellule, i gel e gli unguenti eccessivamente corneo con effetto anti-infiammatorio, crema Imiquimod. Questi fondi sono prescritti da corsi ripetuti, sono trattati per un lungo periodo. A volte l'effetto medicinale aumenta solo i sintomi spiacevoli, causando prurito e bruciore della pelle, la sua infiammazione.

Alcuni rimedi popolari sono anche offerti per aiutare a sbarazzarsi di placche:

  • impacchi di patate grattugiate crude;
  • propoli unguento;
  • succo di giovani foglie di aloe;
  • buccia di cipolla, infusa con aceto.

Naturalmente, l'efficacia di tali fondi non è dimostrata. Prima di iniziare l'autotrattamento, consulta un medico e assicurati che l'educazione che ti disturba non sia il cancro della pelle.

prevenzione

Per prevenire l'insorgenza di cheratosi attinica o prevenire la sua degenerazione in un tumore maligno, le persone dovrebbero seguire semplici raccomandazioni preventive, in particolare quelle di età superiore ai 40 anni:

  • Evitare scottature, molto meno scottature. Non puoi stare al sole per molto tempo senza protezione della pelle. Va notato che la nuvolosità assorbe solo una piccola parte dei raggi ultravioletti. Il momento più pericoloso per stare al sole è dalle 11 alle 16 Non dimenticare che d'inverno puoi ottenere una forte dose di radiazioni ultraviolette, soprattutto perché neve pura e ghiaccio riflettono una grande quantità di questi raggi nocivi. Pertanto, durante le passeggiate invernali al sole non dimenticare la tua protezione.
  • Regolarmente, soprattutto in estate, utilizzare la protezione solare con un fattore di protezione UV (fattore di protezione UV) di 30 o superiore. Le donne possono essere avvisate di acquistare cosmetici applicati al viso e alle mani con questo valore di SPF. Applicare la crema dovrebbe essere mezz'ora prima di uscire al sole e aggiornarlo ogni due ore sulla strada. Questo è particolarmente importante se la persona sta sudando o facendo il bagno.
  • Indossare abiti a maniche lunghe, pantaloni lunghi e ampi in tessuto leggero di cotone o lino, cappelli a tesa larga, berretti con visiera ampia, che dovrebbero ombreggiare non solo il viso, ma anche le orecchie.
  • Con l'età, rifiutare di visitare un solarium e l'uso di fondi per migliorare l'abbronzatura. Gli spray abbronzanti artificiali sono sicuri.

Guarda la tua pelle. In caso di eventuali cambiamenti nelle dimensioni, nella forma, nella superficie della talpa o in qualsiasi placca, contattare immediatamente un dermatologo. Prima lo fai, maggiori sono le possibilità di una cura di successo.

Cheratosi attinica del viso - trattamento e foto

Foto: cheratosi attinica della pelle

La cheratosi attinica è una lesione cutanea abbastanza comune negli individui più anziani. Molto spesso, crescite benigne sotto forma di placche squamose e ruvide compaiono su aree aperte del corpo (viso, testa, collo, mani, orecchie). Cioè, le lesioni si formano in luoghi esposti alla luce solare di anno in anno, quindi questa forma di patologia si chiama cheratosi solare. Le manifestazioni della patologia spesso soffrono gli uomini dopo 50 anni.

La malattia si sviluppa in modo estremamente lento, non provoca disagio fisico e non è accompagnata da sintomi dolorosi, pertanto, viene percepita solo come un difetto estetico. Tuttavia, questo processo patologico è pericoloso perché può degenerare nel tempo nel carcinoma a cellule squamose della pelle. Pertanto, molti medici sono diffidenti nei confronti di tali formazioni e considerano le manifestazioni della cheratosi come una condizione precancerosa.

Il rischio di trasformazione in un tumore maligno aumenta in modo significativo se sulla pelle compaiono più tumori. È impossibile prevedere il loro ulteriore sviluppo. A volte sono in grado di scomparire spontaneamente senza trattamento o per un lungo periodo di tempo sulla pelle senza ulteriore sviluppo. Vediamo qual è la causa di una tale condizione patologica, quali sintomi sulla pelle dovrebbero allertare e considerare i principali metodi di trattamento della malattia.

Cause di malattia

I medici dicono che più tempo passa una persona al sole, maggiore è la probabilità di sviluppare la cheratosi attinica nella vecchiaia. Il processo patologico associato alla formazione di scagliosi squame sulla superficie della pelle, innesca l'irradiazione ultravioletta prolungata. La cheratosi attinica della pelle si sviluppa sotto l'influenza di fattori predisponenti, che includono:

  • ereditarietà;
  • Influenza prolungata di stimoli esterni (inclusi danni meccanici, contatto costante con sostanze chimiche, esposizione alle radiazioni);
  • Interruzioni nel sistema immunitario o endocrino;
  • Prendendo alcuni farmaci che sopprimono l'immunità.
  • Disturbi neuropsichiatrici (depressione, stress prolungato).

A rischio sono più spesso i proprietari di pelle chiara, amanti dell'abbronzatura e dell'abbronzatura, persone la cui attività professionale è associata al lavoro all'aria aperta. Inoltre, la malattia viene spesso diagnosticata in pazienti con ipersensibilità alle radiazioni ultraviolette, con macchie di pigmento sulla pelle o affetti da stati di immunodeficienza (HIV, AIDS).

I sintomi della cheratosi attinica

Foto: sintomi della cheratosi attinica

La malattia inizia con una graduale proliferazione dello strato corneo superiore della pelle su quelle parti del corpo che sono esposte ai raggi del sole (viso, collo, mani, avambracci). In primo luogo, appare una macchia secca e squamosa, leggermente sporgente sopra la superficie della pelle. La superficie ruvida dei tumori è spesso coperta da squame rigide e ricorda la carta vetrata. Il colore delle macchie può variare da rosa a carne a marrone rossastro.

Tali macchie non causano alcuna preoccupazione. Non c'è sensazione di prurito, irritazione o segni di infiammazione, quindi, la maggior parte dei pazienti li considera un difetto estetico e nella fase iniziale della malattia raramente cerca assistenza medica.

In futuro, le nuove crescite crescono, lo strato cutaneo interessato diventa più spesso e le macchie si scuriscono notevolmente. Esternamente, la cheratosi assomiglia a una verruca, a volte una tale crosta scura e secca può cadere da sola, ma una nuova lesione presto inizia a formarsi al suo posto. Le dimensioni delle placche di cheratosi possono essere diverse, da un piccolo tubercolo a forma di goccia a grandi placche con un diametro di 2-3 cm.

Tipi di cheratosi senile - foto

I dermatologi distinguono diverse forme principali di cheratosi solare:

Foto: cheratosi senile

  1. Ipertrofica. Questo tipo di cheratosi è più comune. Le lesioni appaiono in aree aperte del corpo e assomigliano a chiazze ruvide e squamose. La malattia in questa forma è la più facile da trattare ed è facilmente curabile con l'aiuto di rimedi esterni (unguenti e creme).
  2. La forma atrofica della malattia è considerata più complessa e si differenzia in un decorso piuttosto grave. Man mano che il processo patologico si sviluppa, le cellule della pelle nelle squame che rivestono le placche si spengono e lo strato corneo protettivo dell'epidermide non può più svolgere le sue funzioni. Di conseguenza, le cellule si trasformano in atipiche e creano gradualmente una crosta spessa e secca nella lesione. Il processo patologico di cheratinizzazione inizia a svilupparsi rapidamente, la pelle intorno alla placca si arrossa, compaiono sintomi di atrofia, ferite e crepe sotto il sigillo. È molto più difficile liberarsi di tali neoplasie: il trattamento deve essere completo, finalizzato non solo all'eliminazione dei sintomi esterni, ma anche all'aumento della resistenza del corpo.

Foto: cheratosi cutanea

La forma del bowenoid è caratterizzata dal fatto che non sono interessate solo la superficie della pelle, ma anche gli strati più profondi dell'epidermide. Il processo patologico può interessare il derma, in cui si sviluppa l'infiammazione, c'è una distruzione (distruzione) delle cellule della pelle e si accumula un'infiltrazione. Finché l'area della lesione è coperta da una placca densa, non ci sono sintomi spiacevoli. Ma non appena la crosta ruvida scompare, appaiono dolore, sensazione di bruciore e prurito, è possibile lo sviluppo di sanguinamento puntuale.

Indipendentemente dal tipo di malattia e dall'attività del processo patologico, è prima necessario rimuovere la lesione, poiché il carcinoma a cellule squamose può successivamente svilupparsi da cellule atipiche. Per capire meglio come appare visivamente l'area interessata, è possibile vedere le foto della cheratosi attinica, in cui sono chiaramente presentati tutti i tipi di patologia.

diagnostica

Un dermatologo esperto farà facilmente la diagnosi corretta sulla base di un'ispezione visiva. In alcuni casi dubbi (in presenza di arrossamento, ferite non cicatrizzanti, eccessiva cheratinizzazione) il medico eseguirà una biopsia. Cioè, prendi un piccolo campione di pelle per la ricerca di laboratorio per escludere la presenza di una neoplasia maligna. La procedura di campionamento per biopsia viene eseguita in anestesia locale.

Trattamento della cheratosi attinica

Il trattamento complesso della cheratosi della pelle comporta l'uso di farmaci, tecniche hardware e chirurgia.

Trattamento farmacologico

Il trattamento farmacologico è utilizzato principalmente nel trattamento della cheratosi ipertrofica. Il medico selezionerà il regime di trattamento ottimale basato sull'uso di preparati esterni. Il paziente deve seguire attentamente tutte le raccomandazioni e produrre quotidianamente un trattamento locale delle lesioni. Farmaci popolari per il trattamento della cheratosi:

Foto: gel Diclofenac

Gel Diclofenac (Solaraz, Voltaren). Questi sono farmaci anti-infiammatori non steroidei che dovrebbero essere applicati alle placche due volte al giorno per diversi mesi fino alla scomparsa della lesione. Degli effetti collaterali notati irritazione della pelle, prurito, bruciore, la comparsa di una maggiore sensibilità alle radiazioni ultraviolette.

Foto: crema Imiquimod

Crema Imiquimod. Il corso del trattamento farmacologico richiede 4 settimane, durante le quali la crema viene applicata alle aree affette da cheratosi una volta al giorno. Il farmaco stimola l'immunità locale e ripristina le funzioni protettive della pelle, con il risultato che il corpo stesso respinge le cellule colpite. Se il corso del trattamento non ha prodotto il risultato atteso, può essere ripetuto dopo una pausa di 2-3 settimane.

L'uso di farmaci può causare una serie di reazioni avverse sulla pelle sotto forma di prurito, arrossamento o eruzione cutanea. In questi casi, l'uso del farmaco viene interrotto e al medico viene chiesto di regolare la terapia successiva.

Procedure hardware

Il trattamento della cheratosi attinica con l'aiuto di tecniche hardware è l'opzione di trattamento più popolare, che garantisce la rapida eliminazione del problema. Elenchiamo le procedure più popolari:

Crioterapia. Il metodo si basa sull'uso di azoto liquido, che congela il tumore. Di conseguenza, la placca scompare e al suo posto si forma un nuovo strato sano di pelle. Questa procedura è la più comune, la sessione di crioterapia richiede solo pochi minuti e viene eseguita nella sala di procedura della clinica da personale medico qualificato. L'unico inconveniente del metodo è un po 'di dolore e il rischio di cicatrici o di un sito di iperpigmentazione nel luogo in cui il tumore era precedentemente.

Metodo fotodinamico. L'essenza della procedura sta nel trattamento locale della messa a fuoco da parte di un agente fotosensibilizzante (fotosensibile) o nella sua gestione sottocutanea. Dopodiché, il tumore viene esposto a un'irradiazione luminosa intensa, che distrugge le cellule danneggiate dello strato corneo. È il metodo più sicuro ed efficace che è facilmente tollerabile dalle persone anziane e non causa complicazioni ed effetti collaterali.

Trattamento chirurgico

Foto: trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico è il curettage. Durante la procedura, il chirurgo usa uno strumento speciale - una curetta, che raschia le cellule interessate. Allo stesso tempo, una cicatrice evidente può rimanere nel sito della neoplasia, quindi questo metodo non viene utilizzato se il paziente ha cheratosi attinica del viso.

Un altro metodo chirurgico per la rimozione della cheratosi è l'escissione di una neoplasia con un bisturi. Questo metodo traumatico è usato raramente nei casi in cui vi è il sospetto di un processo maligno. Dopo la procedura, i campioni di tessuto vengono inviati per l'esame istologico.

Metodi di prevenzione

Foto: effetti nocivi della luce solare sulla pelle

Lo sviluppo della cheratosi solare è una conseguenza dell'invecchiamento e degli effetti negativi della luce solare sulla pelle durante tutta la vita. Sapendo questo, dovresti prendere misure preventive che possano prevenire lo sviluppo della patologia.

Cerca di limitare il tempo trascorso alla luce diretta del sole. Ricorda che il sole ha gli effetti più dannosi sulla pelle tra 10 e 16 ore. Evitare scottature Non dovresti essere coinvolto in scottature e stare sdraiato sulla spiaggia per ore o frequentare regolarmente un lettino abbronzante, poiché questo influisce negativamente sulla condizione della pelle, causandone il danneggiamento e l'invecchiamento precoce.

Foto: protezione solare

Quando vai fuori, applica la protezione solare sul viso e sulle aree esposte del corpo. Scegli prodotti con un alto livello di protezione e applica la crema ogni due ore mentre sei all'aperto.

Nella stagione calda, indossa indumenti che coprono il corpo dalla luce solare diretta e un cappello a tesa larga che protegge il viso. Scegli occhiali da sole di alta qualità in grado di proteggere la pelle delicata intorno agli occhi dalle radiazioni ultraviolette.

Ispezionare regolarmente la pelle, osservare eventuali cambiamenti sfavorevoli. Se neoplasie sospette, nuove talpe, macchie di pigmento appaiono sulla pelle, consultare uno specialista in tempo. Superare l'esame e, se la diagnosi è confermata, seguire tutte le raccomandazioni mediche e cercare di eliminare il tumore con qualsiasi metodo disponibile. Ricorda che solo un'attenta attenzione alla tua salute aiuterà a prevenire la comparsa della cheratosi e ad eliminare il rischio di comparsa di tumori maligni.

Trattamento della cheratosi attinica della pelle, cause e sintomi della malattia, foto

Il cheratoma senile colpisce gli strati della pelle che sono vulnerabili all'esposizione ai raggi ultravioletti. Questa reazione corporea è caratteristica delle persone anziane, la cui epidermide ha subito una deformazione nel tempo. Sulle aree aperte della pelle compaiono masse o placche cheratinizzate, che indicano lo sviluppo del processo attinico.

Cos'è la cheratosi attinica?

La cheratosi solare distrugge gradualmente gli strati della pelle, il suo periodo di latenza può durare da dieci a venti anni. Durante questo periodo, la rinascita dell'epidermide non può essere vista ad occhio nudo. Tuttavia, sotto l'influenza della normale irradiazione ultravioletta, si osserva una distruzione attiva del materiale genetico della pelle, che porta alla mutazione di cellule normali in quelle atipiche. La cheratosi si diffonde attraverso lo strato basale dell'epidermide e colpisce le parti superiori del derma, che causa disturbi nel processo di cheratinizzazione.

La cheratosi attinica è una condizione precancerosa (carcinoma), che può essere un precursore di una malattia così pericolosa come il carcinoma a cellule squamose. Questa complicazione si sviluppa solo in un piccolo numero di vittime e generalmente procede favorevolmente. Il cancro in questi pazienti è accompagnato da rare metastasi, ma non rappresentano una minaccia per la vita. La cheratosi colpisce le persone dalla pelle chiara a causa della loro naturale sensibilità alla luce solare. Le placche caratteristiche influenzano non solo la parte facciale, ma anche il dorso della mano, del collo o dell'avambraccio.

Cause della cheratosi attinica

L'iperinsolazione prolungata è considerata il fattore principale che influenza la comparsa di questa malattia. Tuttavia, ci sono molte altre cause di cheratosi attinica, come ustioni, immunodeficienza o cambiamenti ormonali. È stato scientificamente provato che le persone che vivono in condizioni di caldo sono a rischio e hanno maggiori probabilità di soffrire di problemi della pelle. La lunghezza d'onda dello spettro solare è di fondamentale importanza qui, perché la radiazione ultravioletta di una certa intensità stimola la progressione della atipia cellulare.

La cheratinizzazione della pelle non si verifica solo a causa della zona climatica, ma anche a causa di cambiamenti legati all'età. Le persone più anziane di cinquanta anni più spesso cercano aiuto medico, cercando di liberarsi della cheratosi solare. L'aspetto del colore di una persona può anche dire molto sull'ulteriore sviluppo della pelle. La presenza di lentiggini in tenera età indica la probabile comparsa di punti caratteristici del pigmento in futuro. Pertanto, le persone con la pelle chiara non è consigliabile trascurare le creme protettive dai raggi del sole.

I sintomi della cheratosi attinica

Il cheratoma senile è noto per l'aspetto asintomatico di uno o più punti rossi squamosi, che possono rimanere immutati per diversi anni. Gli elementi primari sulla superficie della pelle hanno confini chiari sotto i quali si formano le crepe. Tali sintomi di cheratosi attinica indicano una forma eritematosa della malattia, ma le placche sulla fronte sono caratteristiche della variante ipertrofica. Il diametro del "corno della pelle" raggiunge talvolta i quattro centimetri, con la occasionale rimozione dello strato superiore della pelle, si avverte dolore o prurito.

Se le aree della pelle sono state esposte ad un'abbronzatura intensa, manifestazioni indesiderabili possono essere localizzate anche in quei luoghi per i quali la cheratosi senile non è caratteristica: sulla schiena, sull'addome, sul padiglione auricolare o sulle guance. A seconda del luogo di formazione della lesione, si sviluppano nuove forme di malattie attiniche, come la pigmentaria o papillomatosa. In alcuni pazienti, le placche scompaiono da sole a causa di una buona immunità, ma ciò accade raramente. La cheratosi solare richiede molta attenzione e un trattamento tempestivo.

Trattamento della cheratosi attinica

Il trattamento dipenderà dai risultati dei test diagnostici sulla pelle, che includono le biopsie e lo studio dei segni clinici. È molto importante identificare correttamente la malattia, altrimenti il ​​trattamento della cheratosi attinica non sarà efficace. La fornitura di assistenza medica in ogni caso ha luogo individualmente. Per le neoplasie benigne, è meglio utilizzare un metodo di rimozione della placca hardware.

La coagulazione laser è considerata il metodo più popolare di trattamento della cheratosi solare a causa della indolenzimento e dell'efficacia di questa procedura per la pelle. Tuttavia, esiste un modo più economico per sbarazzarsi dei problemi attinici della pelle: questa è la crioterapia. Per le forme maligne della malattia, sono indicati esami aggiuntivi o interventi chirurgici.

Previsione e prevenzione della cheratosi solare

Poiché è praticamente impossibile eliminare l'influenza del sole sui nostri corpi, è necessario osservare tutte le precauzioni conosciute quando si va fuori. Si consiglia alle persone con la pelle chiara di utilizzare costantemente filtri solari di alta qualità, non solo in estate, ma anche nella vita di tutti i giorni. L'abbronzatura dovrebbe essere nelle ore appositamente designate - dalla mattina al pomeriggio, quando i raggi ultravioletti hanno un effetto benefico sulla pelle.

La prognosi e la prevenzione della cheratosi solare implicano una scelta consapevole di indumenti protettivi solari quando ci si trova all'aperto. I medici consigliano di evitare lettini abbronzanti e altri metodi artificiali di abbronzatura a causa dell'elevata concentrazione di radiazioni attiniche per le cellule della pelle. Dovresti monitorare attentamente il tuo corpo e in caso di cambiamenti sospetti su di esso, contatta immediatamente uno specialista, perché i metodi tradizionali di trattamento possono essere pericolosi per la salute.

Video: cheratosi senile

Foto di cheratosi attinica

Recensioni

Vladimir, 42 anni

L'eruzione cutanea attinica sulla mia pelle ha cominciato ad apparire circa un anno fa, ma non gli ho dato abbastanza valore - pensavo che sarebbe passato da solo. Dopo un paio di mesi, queste caratteristiche formazioni cominciarono a causare disagio, così andai dal medico per un consiglio. La cheratosi soleggiata non era maligna, ma mi è stato prescritto un ciclo di trattamento.

Angelina, 30 anni

Per molto tempo mio figlio non aveva una strana foca sul viso e andammo a vedere un dermatologo. A quel punto, il rigonfiamento era già aumentato di dimensioni e la base era eccitata. Il medico ci ha consigliato di rivolgersi a un oncologo, poiché questo caso è di sua competenza. Ora il figlio si sta preparando per la rimozione dell'hardware della placca.

Per diversi anni ho cercato di rimuovere la macchia rossa sul collo, ma finora senza successo. L'istruzione scompare per un periodo di tempo, ma poi salta di nuovo in un altro luogo. Cominciò a usare regolarmente l'unguento e altri mezzi di protezione dal sole. Tuttavia, il trattamento con farmaci e hardware non ha portato risultati speciali.

Cheratosi attinica: sintomi e trattamento della malattia

La cheratosi attinica (AK) è una neoplasia benigna che è più comune nelle persone che sono state al sole per lungo tempo, quindi è anche chiamata cheratosi solare.

Si forma quando la pelle viene danneggiata dalle radiazioni ultraviolette del sole o in un lettino abbronzante, e questo è ciò che lo distingue dalla cheratosi della cervice, che di solito si verifica nelle donne a causa di disturbi interni del corpo.

AK è considerata una condizione potenzialmente precancerosa. Se non trattata, può andare in una condizione chiamata carcinoma a cellule squamose della pelle.

Keratoz soleggiato della pelle

Lo sviluppo di tali aree sulla pelle si verifica quando la pelle è costantemente esposta al sole. Queste aree di solito si trasformano in zone di pelle spesse, squamose o dure che si sentono secche o ruvide al tatto. Infatti, A. K. viene percepito prima che sia visibile e la sua consistenza è spesso paragonata alla carta vetrata.

Il colore della pelle di cheratosi può essere:

  • scuro;
  • luce;
  • bruno-rossastro;
  • rosa;
  • rosso, combinare tutti questi colori o avere lo stesso colore della pelle circostante.

Il danno attinico alla cheratosi di solito varia da 2 a 6 millimetri, ma può crescere fino a diversi centimetri di diametro. Appare spesso sulle aree della pelle:

Poiché sono associati a danni del sole sulla pelle, la maggior parte delle persone che hanno AK hanno più di una. Spesso, in ampie aree della pelle esposte al sole, viene solitamente diagnosticato un continuum di AKs clinicamente visibili di varie dimensioni e gradi di gravità, solitamente accompagnato da lesioni subcliniche che compaiono solo durante la biopsia. Un'area di pelle che mostra più AKs è chiamata cancerogenesi del campo.

La diagnosi è sospettata clinicamente durante un esame obiettivo, ma può essere confermata osservando le cellule della lesione al microscopio. Varie opzioni terapeutiche sono disponibili per AK.

La terapia fotodinamica (PDT) è raccomandata per il trattamento di lesioni multiple di AK e carcinogenesi di campo. Si tratta di applicare un fotosensibilizzatore sulla pelle.

Le creme per uso topico possono richiedere un'applicazione quotidiana sulle zone interessate della pelle per periodi di tempo più lunghi. La crioterapia viene spesso utilizzata per singole lesioni, ma nel sito di trattamento possono verificarsi ipopigmentazioni indesiderate. Se il cancro della pelle si sviluppa da lesioni AK, può essere curato in una fase iniziale con attento monitoraggio.

Segni e sintomi

Le cheratosi rappresentano più spesso una placca bianca squamosa di spessore variabile con arrossamento circostante. La pelle in prossimità della lesione indica spesso danni del sole, caratterizzati da marcati cambiamenti dei pigmenti, gialli o pallidi, con aree di iperpigmentazione.

Inoltre caratterizzato da rughe profonde, consistenza ruvida, lividi, pelle secca e telangiectasia diffusa. L'esposizione al sole porta all'accumulo di cambiamenti oncogeni, che porta alla proliferazione dei cheratinociti, che possono manifestarsi sotto forma di AK o altre crescite tumorali.

Le lesioni sono solitamente asintomatiche, ma possono essere pruriginose, sanguinanti o causare bruciore. Gli AK vengono generalmente valutati in base alla loro indicazione clinica:

  • Classe I (facilmente visibile, leggermente tangibile).
  • Classe II (facilmente visibile, tangibile).
  • Classe III (ben visibile e ipercheratotico).

Opzioni cliniche

Le cheratosi possono avere varie manifestazioni cliniche, che sono spesso caratterizzate come segue:

  1. Classico (o ordinario). Sono macule, papule o placche di spessore variabile, spesso con eritema circostante. Di solito hanno un diametro di 2-6 mm, ma a volte possono raggiungere diversi centimetri di diametro.
  2. Le AK ipertrofiche appaiono come papule o placche più spesse o ruvide, spesso attaccate a una base eritematosa.
  3. E AK trofici appaiono come un cambiamento di colore (o macula). Sono spesso lisci e rossi e hanno un diametro inferiore a 10 mm.
  4. AK con corno cutaneo: il corno cutaneo è una proiezione di cheratina con un'altezza di almeno la metà del suo diametro, spesso di forma conica. Possono essere visti nelle condizioni della cheratosi attinica.
  5. AKs pigmentati sono varianti rare che sono spesso placche macula o marrone. Sono difficili da distinguere dal lentigo.

La presenza di ulcere, noduli o sanguinamento dovrebbe essere una preoccupazione per la malignità. In particolare, evidenza clinica di un aumentato rischio di sviluppare carcinoma a cellule squamose: indurimento / infiammazione, diametro> 1 cm, aumento rapido, sanguinamento, eritema e ulcerazione.

Cause della malattia

La ragione più importante per la formazione di AK è la radiazione solare. La radiazione UV causa la formazione di dimero di timidina nel DNA e nell'RNA, che porta a significative mutazioni cellulari.

Studi recenti dimostrano che il papillomavirus umano (HPV) può anche avere un ruolo nello sviluppo di AK: il virus HPV è stato rilevato in AK.

AK è più comunemente visto in persone con la pelle chiara e di solito si trova sulla pelle sotto la testa.

La storia delle scottature solari: la ricerca mostra che anche un episodio di dolorosa scottatura solare durante l'infanzia può aumentare il rischio di AK in un adulto. È stato rilevato che sei o più scottature dolorose durante tutta la vita erano significativamente associate alla probabilità di sviluppo di AK.

Pigmentazione della pelle La melanina è un pigmento nell'epidermide che protegge i cheratinociti dai danni causati dalle radiazioni UV. Si trova in una maggiore concentrazione nell'epidermide di individui dalla pelle scura, garantendo la loro protezione dallo sviluppo di AK. Le persone con pelle chiara hanno un rischio significativamente maggiore di sviluppare AK.

AK si trova comunemente sulle teste di uomini calvi. Il grado di calvizie sembra essere un fattore di rischio per lo sviluppo di una lesione, dal momento che gli uomini con una forte calvizie erano sette volte più probabilità di avere AK rispetto ad altri.

Altri fattori di rischio Le persone che prendono immunosoppressori, come i pazienti con trapianti di organi, cheratosi attiniche che hanno una probabilità 250 volte maggiore di sviluppare il cancro della pelle.

Il ruolo del papillomavirus umano nello sviluppo di AK rimane poco chiaro, ma le prove suggeriscono che l'infezione da papillomavirus può essere associata ad una aumentata probabilità di AK.

Alcuni disturbi genetici interferiscono con il recupero del DNA dopo l'esposizione al sole, aumentando così il rischio di sviluppare AK.

Diagnosi di disturbo

I medici diagnosticano solitamente la cheratosi attinica conducendo un esame fisico completo usando una combinazione di osservazione visiva e contatto.

Tuttavia, può essere necessaria una biopsia quando la cheratosi ha un diametro, uno spessore o un'emorragia di grandi dimensioni per assicurare che la lesione non sia un cancro della pelle.

AK può essere confuso con altre lesioni cutanee, tra cui:

  • cheratosi seborroica;
  • carcinoma a cellule basali;
  • cheratosi lichenoide;
  • porokeratoz;
  • verruche virali;
  • dermatosi infiammatoria o melanoma.

Nell'esame istologico, le cheratosi attiniche mostrano solitamente cheratinociti atipici con nuclei iperpigmentati o pleomorfi che si estendono allo strato basale dell'epidermide.

I risultati specifici dipendono dalla variante clinica e dalle caratteristiche della lesione. Le sette principali varianti istopatologiche sono caratterizzate dalla proliferazione cheratinocitica atipica, che inizia nello strato basale e si limita all'epidermide; essi includono:

  • Ipertrofica: visibile per ipercheratosi marcata, spesso con evidente porakeratosi.
  • Atrofica: con lieve ipercheratosi e alterazioni atrofiche generali nell'epidermide.
  • Liphenoid - un infiltrato impiantabile nel derma papillare, direttamente sotto la giunzione dermo-epidermica.
  • Pigmentato: mostra la pigmentazione nello strato basale dell'epidermide, come il lentigo solare.

La dermoscopia.

La dermoscopia è una tecnica non invasiva che utilizza un dispositivo di ingrandimento manuale. Viene spesso utilizzato nella valutazione delle lesioni cutanee.

Prevenzione delle malattie

Le misure preventive per AK mirano a limitare gli effetti della radiazione solare, tra cui:

  • Limitare l'esposizione al sole.
  • Limitazione dell'esposizione alla luce solare durante il mezzogiorno, quando la luce ultravioletta è la più potente.
  • Usa la protezione solare.
  • Uso frequente di una forte protezione solare.
  • Indossare una protezione solare come cappelli, camicie a maniche lunghe, gonne lunghe o pantaloni.

Cheratosi attinica: trattamento

Esistono molte opzioni per il trattamento dell'AK in base al paziente e alle caratteristiche cliniche della lesione. Sebbene i tassi di trattamento generali siano elevati, gli esperti concordano sul fatto che la prevenzione è il miglior trattamento per AK.

Si raccomanda un'osservazione regolare dopo ogni trattamento per assicurarsi che non si siano sviluppate nuove lesioni e quelle vecchie non progrediscano.

  1. Creme. La modalità di applicazione più utilizzata è quella di applicare uno strato di crema (prescritto da un medico) per danneggiare due volte al giorno dopo il lavaggio. La durata del trattamento è in genere di 2-4 settimane, ma il trattamento fino a 8 settimane mostra un tasso di guarigione più elevato.
  2. Gel. Questo è un nuovo trattamento AK usato in Europa e negli Stati Uniti. Funziona in due modi: in primo luogo, distrugge le membrane cellulari e i mitocondri, che porta alla morte cellulare, e quindi rimuove le cellule tumorali rimanenti. Per il cuoio capelluto e il viso è consigliato un trattamento di gel di tre giorni. Per il corpo e gli arti è raccomandato un ciclo di trattamento di 2 giorni.

I benefici del trattamento con gel includono la terapia a breve termine e un basso tasso di recidiva.

Procedure necessarie

Questo elenco può includere:

  • Crioterapia. L'azoto liquido è la terapia distruttiva più comunemente usata per il trattamento di AK, una procedura ben tollerata che non richiede anestesia. La crioterapia è particolarmente indicata nei casi in cui vi è una piccola quantità di danno di demarcazione ben definito. Di solito viene eseguito utilizzando il metodo di spruzzatura aperta, in cui AK viene spruzzato per alcuni secondi.

Le cure vanno dal 67 al 99%, a seconda delle caratteristiche del tempo di congelamento e dei danni. Gli svantaggi includono il disagio durante e dopo la procedura; gonfiore, cicatrici e arrossamenti o iperpigmentazione e distruzione di tessuti sani.

  • Terapia fotodinamica L'AK è una delle più comuni lesioni dermatologiche, per le quali è indicata la terapia fotodinamica utilizzando metil aminolevulinato locale (MAL) o acido 5-aminolevulinico (5-ALA). Il trattamento inizia con la preparazione di una lesione, che comporta la pulizia di squame e croste usando una curette dermica.

Uno strato spesso di crema locale MAL o 5-ALA viene applicato alla lesione e una piccola area che circonda il danno, che viene poi coperta con una medicazione occlusiva per un po '. Durante questo periodo, il fotosensibilizzatore si accumula nelle cellule A. K. Quindi le medicazioni vengono rimosse e la lesione viene trattata con luce di una certa lunghezza d'onda.

La terapia fotodinamica sta guadagnando popolarità. Si è riscontrato che il 14% in più di possibilità di ottenere una cura completa dopo 3 mesi rispetto alla crioterapia. La terapia fotodinamica sembra essere particolarmente efficace nel trattamento di aree con più lesioni AK.

  • Metodi chirurgici La rimozione chirurgica viene utilizzata nei casi in cui AK è una papula densa e cornea o, se sospetta, è necessaria una lesione più profonda. Questo è un metodo di trattamento AK raramente usato.
  • Dermoabrasione. La dermoabrasione è utilizzata nel trattamento di ampie aree con lesioni multiple di AK A. Questo processo prevede l'uso di uno strumento portatile per rimuovere lo strato corneo dell'epidermide. Vengono utilizzate spazzole diamantate o metalliche a rotazione ad alta velocità. La procedura può essere piuttosto dolorosa e richiede sedazione procedurale e anestesia.
  • Laser terapia. Questo è l'approccio che viene utilizzato con la tecnologia di scansione del computer. La terapia laser non è stata studiata estensivamente, ma i dati disponibili suggeriscono che può essere efficace nei casi in cui si tratti di rifrazioni multiple o AK localizzate in luoghi rilevanti dal punto di vista cosmetico, come il viso.
  • I peeling chimici sono un agente topico applicato che rimuove lo strato esterno della pelle, favorisce l'esfoliazione e infine sviluppa la pelle liscia e ringiovanita. Studiato più trattamenti. I peeling chimici devono essere eseguiti in una clinica e sono raccomandati solo per le persone che possono prendere precauzioni, inclusa la prevenzione dell'esposizione al sole.

Progressione: il rischio complessivo di trasformare l'AK in un cancro invasivo è basso. Nelle persone a rischio moderato, la probabilità che AK progredisca verso il cancro è inferiore all'1% all'anno.

Regressione: i tassi di regressione registrati per i singoli focolai di AK variavano dal 15 al 63% dopo un anno.

Corso clinico Le cheratosi attiniche hanno tre possibili esiti clinici: possono regredire, rimanere stabili o svilupparsi per diventare una malattia invasiva. A volte vanno e vengono, appaiono sulla pelle, rimangono per mesi e poi scompaiono. Spesso compaiono dopo alcune settimane o mesi, specialmente dopo l'esposizione non protetta al sole.

Tasso di prevalenza

La cheratosi attinica è molto comune: circa il 14% delle visite ai dermatologi è associato a A. K. Questa condizione è più comune nelle persone con disabilità fisiche e la frequenza varia a seconda della posizione geografica e dell'età. Altri fattori, come l'esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV), alcune caratteristiche fenotipiche e l'immunosoppressione possono anche contribuire allo sviluppo di AK.

Gli uomini sviluppano AK più spesso rispetto alle donne e il rischio di sviluppare lesioni aumenta con l'età.