Cause e sintomi della varicella

La varicella è una malattia infettiva estremamente contagiosa. Come si suol dire, si diffonde con la velocità del vento. Una persona diventa portatrice della malattia anche due giorni prima di rilevare i primi sintomi. È a causa di questa caratteristica che il 90% della popolazione ha il tempo di contrarre la varicella durante l'infanzia. Senza acquisire l'immunità contro questa malattia in 3-12 anni, c'è il rischio di sentirsi da soli nell'età adulta. Nonostante i sintomi simili, l'agente causale della varicella nel corpo degli adulti si comporta molto più aggressivo: un periodo più lungo della malattia, un'eruzione più abbondante, prurito aumentato, temperatura fino a 40 gradi, deglutizione dolorosa, pustole, affaticamento generale, possibili complicanze.

Se si è malati, sarà necessario impostare la quarantena e rimandare tutti i contatti personali per almeno due settimane. Sicuramente nel tuo ambiente ci sono quelli che non hanno ancora acquisito l'immunità per tutta la vita alla varicella.

Il principale sintomo irrefutabile è un'eruzione cutanea che appare su tutto il corpo (sul petto e sull'addome, braccia e gambe, viso, capelli sulla testa, lingua, palato, naso e persino nel perineo). L'eruzione si trasformerà in bolle con un diametro di 2-3 mm, pieno di liquido. Le bolle sono insopportabilmente pruriginose, ma dovrai affrontare un test di resistenza, dato che non puoi assolutamente graffiarle. Minaccia con cicatrici e cicatrici sul sito di vesciche, e se si tratta di una zona di sopracciglia, barba e baffi, poi brutta calvizie.

Cos'è la varicella?

La varicella è una delle malattie infettive acute più comuni. È caratterizzato da eruzioni cutanee e mucose sotto forma di piccole bolle e febbre. Trasmesso da goccioline trasportate dall'aria. Molto spesso, la varicella colpisce bambini e adolescenti. Si ritiene che la varicella sia meglio ammalarsi durante l'infanzia, poiché con l'età questa malattia si manifesta in una forma complicata: con encefalite, polmonite da vento primaria.

Cause della varicella

La malattia è causata da un virus della famiglia dell'herpes. La suscettibilità della popolazione a questo virus è molto alta, quindi il 70-90% delle persone ha il tempo di trasferire la malattia nell'infanzia o nell'adolescenza. Di norma, il bambino riprende l'infezione all'asilo o alla scuola. La fonte della malattia è una persona infetta negli ultimi 10 giorni del periodo di incubazione del virus e nei primi 5-7 giorni dall'eruzione dell'eruzione.

Dopo la varicella, si forma l'immunità per tutta la vita, ma si verifica anche una re-infezione. Il virus può "dormire" per anni nel corpo di una persona che ha avuto la varicella e "svegliarsi" in un momento. La causa potrebbe essere sovratensione o stress nervoso. In questi casi, l'adulto può sviluppare l'herpes zoster. Non avendo segni evidenti di un'eruzione, tuttavia, una tale persona è un distributore della malattia.

È anche possibile un'infezione da virus attraverso la placenta - dalla madre al nascituro.

Per le donne incinte, è particolarmente pericoloso, in quanto può causare lo sviluppo di varicella congenita in un bambino, nascita prematura o morte del feto.

Complicazioni della varicella si verificano di solito in concomitanza con infezioni secondarie secondarie (ascesso, piodermite, sepsi, flemmone). A volte una settimana dopo la comparsa dell'eruzione si sviluppa meningoencefalite virale-allergica. Ci sono anche casi di miocardite e nefrite focali.

Sintomi di varicella

Il periodo di incubazione dura da 1 a 3 settimane. I bambini sono caratterizzati da malessere generale, mal di testa, irritabilità, perdita di appetito e pianto. Negli adulti, febbre, malessere, mal di testa, nausea e vomito sono spesso diagnosticati durante questo periodo.

La fase successiva dello sviluppo della malattia è associata a un'eruzione cutanea sulla pelle e sulle mucose. La temperatura corporea aumenta, aumenta il livello di intossicazione del corpo. I bambini hanno un'eruzione prima degli adulti. Negli adulti, l'intossicazione è più pronunciata e la febbre persiste molto più a lungo.

La pelle è coperta da piccole macchie rosse. Dopo alcune ore diventano convesse e si trasformano in piccole bolle. L'eruzione si diffonde in modo casuale in tutto il corpo, ma è più spesso localizzata sulla testa, sul collo, sul viso, sul torace e sull'addome. Le bolle contengono liquido trasparente. Dopo 1-2 giorni, le bolle si asciugano e si formano delle croste al loro posto. A volte ci possono essere ulcere. Dopo il rigetto delle croste, possono rimanere delle cicatrici. Nello stesso momento c'è un deterioramento nelle condizioni generali del paziente. Le lesioni dell'epidermide diventano più profonde. Negli adulti, le vescicole sono quasi sempre trasformate in ulcere; l'eruzione dura più a lungo ed è più abbondante che nei bambini; Le croste cadono via si verifica più tardi.

Nel corso della malattia compaiono nuovi e nuovi spot, accompagnati da febbre. Con l'apparizione di vescicole nei bambini e negli adulti, inizia un forte prurito, soprattutto sulle mucose.

La fase clinica della varicella dura dai 5 agli 8 giorni. Contemporaneamente alla fine dell'eruzione, l'intossicazione scompare. La maggioranza assoluta dei casi ha un esito favorevole.

L'herpes zoster è una complicanza della varicella

L'insidiosità del virus della varicella è che una volta che una persona viene infettata, non va via, e vive latentemente per anni nel corpo e, a causa dello stress, può ricordarsi di ciottoli nell'età adulta.

La fonte di infezione nella maggior parte dei casi è un paziente con l'herpes zoster. Tuttavia, il virus può essere attivato dopo il contatto con la varicella malata.

La suscettibilità al fuoco di Sant'Antonio è visibile nelle persone di età pari o superiore a 50 anni. Più della metà degli anziani ha il tempo di trasferire la malattia. Ciò è spiegato dal fatto che l'immunità si indebolisce con l'età, compaiono malattie croniche, il corpo diventa sensibile ai virus.

Di regola, con l'herpes zoster, le eruzioni cutanee compaiono su un lato del corpo (anteriore o posteriore) lungo il nervo interessato. A volte le eruzioni cutanee si trovano sulla testa e sul viso. La malattia viene diagnosticata con placche rosse sulla pelle, prurito, bruciore e formicolio della pelle.

Il dolore, come l'eritema, è localizzato su un lato del corpo. Inoltre, il paziente lamenta debolezza, debolezza, febbre alta.

La fase successiva della malattia è la formazione di bolle piene di liquido. Scoppiano e le piaghe appaiono al loro posto. Il recupero dura da due a cinque settimane, mentre le ulcere guariscono e si ricoprono di croste. La malattia per molto tempo ricorda se stessa con sensazioni dolorose lungo il nervo interessato.

L'herpes zoster è pericoloso per le complicazioni: reumatismi, artriti, polmoniti, miocarditi, nevralgie. Per evitare che prendano farmaci antierpetici.

Altre forme di mulino a vento

Insieme con le forme tipiche di varicella, ci sono anche forme cancellate che possono verificarsi senza manifestazioni cliniche. Tali forme della malattia sono considerate gravi. Questi includono:

La forma bollosa è una grave malattia concomitante, si sviluppa solo in pazienti adulti. È caratterizzato dalla formazione di grandi vesciche flaccide sulla pelle, che si trasformano in ulcere cicatrizzate lente.

La forma di Hemorrhagic è osservata in pazienti con diatesi hemorrhagic. Tipico per lei è la comparsa di vescicole con contenuto sanguinante, lo sviluppo di ematuria, sanguinamento nasale. I pazienti hanno emorragie sulla pelle.

Forma gangrena - si verifica in pazienti indeboliti, procede sullo sfondo di un rapido aumento delle dimensioni delle vescicole e della trasformazione del loro contenuto in una forma emorragica. Dopo l'essiccazione delle ulcere, le croste nere si formano con un bordo infiammatorio.

La varicella può portare a gravi complicazioni associate all'esposizione al virus e alla risposta dell'organismo ad esso, ad esempio laringite da varicella, tracheite, encefalite, meningite. Sono anche possibili lesioni profonde dell'epidermide della pelle con formazione di cicatrici evidenti. Con la diffusione della flora della varicella si possono osservare complicanze della malattia come nefrite, epatite, miocardite, artrite. È anche possibile l'adesione secondaria di flora batterica e infiammazione purulenta.

Varicella in donne in gravidanza

La varicella nelle donne in gravidanza merita una discussione separata. Oltre al rischio per la futura madre, c'è un pericolo per il feto. Come risultato della varicella, il corso della gravidanza può essere rotto e anche spontaneamente interrotto. Questo è il motivo per cui il trattamento della varicella deve essere effettuato sotto la stretta supervisione di un medico. Non dovresti preoccuparti troppo, perché le anomalie in un neonato sono diagnosticate solo in un caso su cento. Con la varicella senza complicanze della nascita prematura e aborti spontanei nelle donne non è segnato.

Tuttavia, a volte le deviazioni sono possibili, poiché il virus attraverso la placenta può penetrare nel feto dalla madre. Sono descritti casi di malformazioni congenite, patologie dell'apparato visivo, ritardo mentale e fisico, paralisi.

Si nota che la malattia della varicella nella futura gestante nelle fasi iniziali (fino a 3,5 mesi) non è praticamente pericolosa per il feto. Con lo sviluppo della varicella fino a 5 mesi, il rischio per il futuro bambino aumenta leggermente, e da 5 a 9 mesi è quasi pari a zero. L'eccezione è l'ultimo giorno di gestazione. Costituiscono il principale pericolo. Se una donna incinta si ammala diversi giorni prima del parto, nel 15% dei casi il virus infetta gli organi interni del bambino. Per prevenire questa situazione, il siero con anticorpi viene iniettato nella madre e nel neonato il prima possibile. Il bambino viene isolato dalla madre finché non è passato il pericolo di infezione.

Trattamento di varicella

La varicella è curata a casa e solo in caso di malattia grave - in ospedale. La decisione sull'ospedalizzazione è presa dal medico curante.

Di regola non è richiesta una terapia speciale. Fino alla cessazione dell'eruzione cutanea del paziente dovrebbe essere isolato. Per i bambini e gli adulti con varicella è raccomandato un riposo a letto fino a 8 giorni. Le lenzuola dovrebbero essere cambiate il più spesso possibile, e biancheria intima - ogni giorno. Vestiti adatti fatti di tessuti naturali morbidi.

Il paziente ha bisogno di bere più liquido e seguire una dieta di natura lattiginosa (purea di frutta e verdura grattugiata, porridge di latte). Il succo è meglio diluire con acqua in un rapporto di 1: 1. Gli alimenti aspri, piccanti e salati dovrebbero essere esclusi dalla dieta del paziente.

A casa, le macchie rosse e le bolle sono trattate con una soluzione verde brillante o all'1,2% di permanganato di potassio. Se le eruzioni cutanee compaiono nella cavità orale, deve essere effettuato un risciacquo orale con agenti antimicrobici (ad esempio la soluzione di furatsilina).

Durante l'intero periodo della malattia, il paziente è preoccupato per il prurito persistente (metodi di trattamento prurito). Tuttavia, i graffi possono causare un'infezione nella ferita. Se questo accade, le macchie sulla pelle guariscono più a lungo e possono anche rimanere sotto forma di cicatrici. È meglio tagliare le unghie in breve tempo e il bambino dovrebbe indossare guanti di cotone sulle maniglie. Inoltre, il prurito aumenta con l'apparenza di sudore, in modo che i medici non consigliano di avvolgere il paziente in coperte calde. Vale la pena prestare attenzione che l'aria calda interna contribuisce anche alla esacerbazione del prurito. È meglio dare al paziente un tovagliolo freddo e bagnato - lascia che lo applichi a quei luoghi che vuoi graffiare.

Per ridurre la febbre usare farmaci contenenti ibuprofene o paracetamolo. Quando la varicella è controindicata aspirina, che aumenta la suscettibilità allo sviluppo della sindrome di Reye.

A volte vengono prescritti farmaci antivirali prescritti da un medico per ridurre la gravità della malattia. Questo può essere antibiotici o immunoglobuline.

Vaccinazione per la varicella per adulti

Una malattia che ha sofferto nell'infanzia di solito dà un'immunità duratura per la vita. Ma per coloro che non si ammalano durante l'infanzia e per coloro che sono a rischio per lo sviluppo di forme gravi della malattia, esiste la possibilità di vaccinazione. I vaccini "Varilriks" e "Okavaks" sono ufficialmente registrati in Russia.

Il vaccino contro la varicella forma un'immunità stabile e duratura nel corpo umano. Adatto sia per vaccinazioni di routine che di emergenza. Se il vaccino viene introdotto nelle prime 72 ore dopo il primo contatto con il paziente, la protezione contro l'infezione è garantita quasi al 100%.

Non sono stati segnalati effetti collaterali o complicazioni gravi della vaccinazione, quindi questi farmaci possono essere utilizzati in persone con sistema immunitario indebolito o con malattie croniche gravi.

Redattore esperto: Pavel Alexandrovich Mochalov | d. m. n. medico di famiglia

Istruzione: Istituto medico di Mosca. I. M. Sechenov, specialità - "Medicina" nel 1991, nel 1993 "Malattie professionali", nel 1996 "Terapia".

Come inizia la varicella:
primi segni

I primi segni di varicella sono particolarmente interessanti per i genitori i cui figli hanno parlato con un bambino a cui è stata diagnosticata la varicella. Tale informazione è importante anche in situazioni in cui la varicella di varicella è stata dichiarata all'asilo o alla scuola. Come riconoscere questa infezione in una fase iniziale e come capire che un bambino ha la varicella? Per rispondere a tali domande, è necessario sapere dove e da che cosa inizia la varicella durante l'infanzia.

Cos'è la varicella

I neonati possono anche essere infettati e avere la varicella, ma la maggior parte dei bambini sotto i sei mesi sono protetti dalla varicella dall'immunità della madre. Ottengono anticorpi contro la varicella da una madre sopravvissuta durante l'infanzia, prima in utero e poi attraverso il latte materno. Un bambino di età superiore a 6 mesi non è più sotto la protezione di anticorpi materni, quindi la varicella nei bambini che hanno già compiuto sei mesi è del tutto possibile.

Guarda l'uscita del programma "Live Healthy!" In cui la presentatrice Elena Malysheva parla di varicella nei bambini:

La varicella è anche malata e di età superiore ai 10-12 anni. Allo stesso tempo, negli adolescenti e negli adulti, l'infezione è più difficile, quindi molti genitori non sono contrari a comunicare con bambini in età prescolare con bambini con la varicella o andare in una struttura sanitaria per la vaccinazione contro questa malattia.

Periodo di incubazione

Questo periodo è il tempo dall'immissione del virus nel corpo del bambino dopo l'infezione fino ai primi sintomi dell'infezione. Se rispondi alla domanda "quanti giorni dopo il contatto si manifesta la varicella?", Il più delle volte saranno 14 giorni per i bambini. La durata del periodo di incubazione può essere inferiore (da 7 giorni) e più (fino a 21 giorni), ma in media, l'insorgenza della varicella si osserva due settimane dopo il primo contatto con il virus.

Il bambino diventa una fonte di trasmissione del virus ad altre persone alla fine del periodo di incubazione - circa 24 ore prima dei primi sintomi. Inoltre, è possibile avere un bambino da una bambina che ha la varicella durante tutto il periodo delle eruzioni cutanee e nei cinque giorni successivi alla comparsa delle ultime bolle sulla pelle del bambino. La trasmissione dell'agente patogeno avviene attraverso goccioline trasportate dall'aria.

Varicella Cause, sintomi e segni, diagnosi e trattamento della malattia

Domande frequenti

Il sito fornisce informazioni di base. Diagnosi e trattamento adeguati della malattia sono possibili sotto la supervisione di un medico coscienzioso. Qualsiasi farmaco ha controindicazioni. Consultazione richiesta

Che cos'è la varicella La varicella è una malattia virale trasmessa dall'aria aerosol da una persona infetta ad una sana e caratterizzata da specifiche eruzioni cutanee sotto forma di bolle che appaiono sullo sfondo di febbre grave e altri segni di avvelenamento generale del corpo.

La varicella è conosciuta fin dall'antichità. Fino alla seconda metà del XVIII secolo, la malattia era considerata una facile variante del vaiolo o del vaiolo, che a quei tempi era un vero disastro, devastando interi insediamenti.

Solo all'inizio del secolo scorso è stata scoperta la connessione tra varicella e herpes zoster (fuoco di Sant'Antonio). Poi c'era un'ipotesi sulla natura generale della malattia. Tuttavia, il virus patogeno è stato isolato solo nel 1951.

Allo stesso tempo, si è scoperto che la persona che aveva avuto la varicella aveva un'immunità cosiddetta permanente per tutta la vita, quando l'immunità all'infezione era dovuta alla presenza dell'agente patogeno nel corpo.

In caso di circostanze sfavorevoli, il virus "dormiente" nei nodi nervosi viene attivato, causando manifestazioni cliniche di herpes zoster - eruzioni vescicolari lungo il nervo interessato.

Herpes zoster. Eruzione lungo il nervo intercostale.

Oggi la varicella è una delle malattie più comuni (al terzo posto dopo l'influenza e ARVI). Per lo più i bambini sono malati (i pazienti di età inferiore ai 14 anni costituiscono circa l'80-90% di tutti i casi), è questa categoria della popolazione che ha quasi il 100% di suscettibilità all'agente patogeno della varicella. Pertanto, la varicella fa riferimento alle cosiddette infezioni "dell'infanzia".

La malattia di solito si presenta in forme lievi e moderate, quindi i risultati fatali sono estremamente rari. Per questo motivo, molti esperti hanno a lungo considerato la varicella come una malattia "poco seria".

Tuttavia, studi recenti hanno dimostrato che con la varicella non sono colpiti solo la pelle e il tessuto nervoso, ma anche il sistema digestivo, i polmoni e gli organi dell'area urogenitale. Inoltre, il virus della varicella può avere un impatto molto negativo sullo sviluppo del feto e durante la gravidanza.

Agente patogeno della varicella

L'agente patogeno della varicella appartiene alla famiglia dei virus dell'herpes, che comprende una varietà di virus che causano varie malattie negli anfibi, negli uccelli, nei mammiferi e nell'uomo.

Tutti i virus dell'herpes hanno un genoma costituito da DNA a doppio filamento. Sono piuttosto sensibili alle influenze fisiche e chimiche esterne, comprese le alte temperature e le radiazioni ultraviolette.

La maggior parte dei virus di questo gruppo può durare a lungo, a volte anche per tutta la vita, in un organismo infetto, senza causare alcun sintomo clinico. Pertanto, si riferiscono alle cosiddette infezioni lente (herpes, herpes zoster, ecc.). In circostanze avverse, un'infezione inattiva può essere attivata e manifestare i segni pronunciati della malattia.

I virus dell'herpes sono facilmente trasmessi da persona a persona, così che la maggior parte della popolazione del pianeta ha il tempo di contrarre l'infezione durante l'infanzia. Per i patogeni di questo gruppo caratterizzato da poliorganismo e lesioni polisistemiche, questo è associato a un effetto teratogeno (l'insorgenza di malformazioni fetali) e alla morte di pazienti debilitati, in particolare i neonati.

Va notato che tutti gli herpesvirus inibiscono il sistema immunitario e vengono attivati ​​sullo sfondo di altre malattie che si verificano con una marcata diminuzione delle difese del corpo (AIDS, leucemia, tumori maligni).

Il virus della varicella e il virus dell'herpes zoster (virus della varicella zoster) sono in grado di moltiplicarsi esclusivamente nel nucleo delle cellule di una persona infetta, e nell'ambiente esterno muore rapidamente sotto l'influenza della luce solare, del calore e di altri fattori avversi. In goccioline di saliva e muco, il virus della varicella può persistere per non più di 10-15 minuti.

Come si verifica l'infezione da virus della varicella?

La fonte dell'infezione del virus Varicella-zoster è una persona malata che ha la varicella o l'herpes zoster. Studi di laboratorio hanno dimostrato che la più alta concentrazione di agente patogeno è nel contenuto di bolle caratteristiche per la varicella.

Tradizionalmente, la varicella è attribuita alle malattie respiratorie, tuttavia, nel muco nasofaringeo, il virus compare solo in quei casi in cui la superficie della membrana mucosa è anche coperta da eruzioni cutanee. Ma anche in questi casi, i tamponi nasofaringei contengono un numero molto più piccolo di agenti patogeni rispetto al contenuto delle bolle localizzate sulla pelle.

Le croste formate sul sito di scoppiare bolle di vaiolo di pollo non contengono agenti patogeni, quindi il periodo della più grande infettività del paziente è determinato dal momento della comparsa dell'eruzione fino al periodo di formazione delle croste.

L'infezione avviene attraverso goccioline trasportate dall'aria attraverso l'inalazione di aria contenente elementi di muco. Va notato che la varicella ha preso il suo nome a causa della particolare volatilità dell'infezione - il virus può diffondersi fino a 20 m, penetrando attraverso i corridoi dei locali residenziali e anche da un piano all'altro.

Inoltre, la varicella può passare da una donna incinta a un bambino attraverso la placenta. Va notato che le donne adulte raramente ottengono la varicella. Quindi il più delle volte un'infezione del feto si verifica quando un'infezione persistente (dormiente) viene attivata sotto forma di fuoco di Sant'Antonio.

Se l'infezione fetale si verifica nel primo trimestre (nelle prime 12 settimane a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione), allora c'è un alto rischio di avere un bambino con gravi difetti dello sviluppo. L'infezione in un secondo momento, di norma, porta alla manifestazione dell'infezione dopo la nascita, ma non sotto forma di varicella, ma sotto forma di fuoco di Sant'Antonio.

Chi è più suscettibile alla varicella?

I neonati non sono affatto sensibili alla varicella, perché hanno ricevuto gli anticorpi necessari dalla madre per proteggersi dal virus durante lo sviluppo fetale.

Tuttavia, gli anticorpi materni vengono gradualmente eliminati dal corpo e possono inibire completamente lo sviluppo della malattia solo durante il primo anno di vita di un bambino.

Quindi, aumenta la suscettibilità alla varicella raggiungendo quasi il 100% del massimo all'età di 4-5 anni. Poiché la maggior parte della popolazione ha il tempo di prendere la varicella durante l'infanzia, questa forma di virus varicella-zoster è abbastanza rara negli adulti.

Lo sviluppo nelle persone con varicella herpes zoster, al contrario, di solito si manifesta in età avanzata (il 65% dei casi di malattia si registra in pazienti di età superiore a 65 anni).

Quindi, la varicella colpisce principalmente i bambini e l'herpes zoster - gli anziani. Tuttavia, entrambe le malattie possono svilupparsi in quasi tutte le età.

La varicella è piuttosto pericolosa nell'epidemia, quindi si registrano spesso focolai di varicella in gruppi di bambini (asili, scuole, case di cura, ecc.). Ciò potrebbe causare una tale mini-epidemia e come risultato del contatto con un paziente adulto con herpes zoster.

Tuttavia, ci sono anche casi sporadici (fuori dall'epidemia) di varicella, quando il paziente può essere isolato in modo tempestivo, prevenendo la diffusione dell'infezione.

Per l'incidenza della varicella è caratterizzata da una peculiare comparsa ciclica di epidemie. Allo stesso tempo, ci sono piccoli cicli di epidemie che si ripetono in pochi anni e di grandi dimensioni con un intervallo di 20 anni o più.

In autunno, vi è un aumento significativo dell'incidenza della varicella associata al massiccio ritorno di bambini negli asili e nelle scuole. L'aumento dell'incidenza in primavera è causato da brusche fluttuazioni di temperatura e da una diminuzione stagionale dell'immunità.

Segni, sintomi e decorso clinico della varicella

Classificazione delle manifestazioni cliniche della varicella

Quando parlano della classificazione delle cliniche della varicella, quindi, si distinguono innanzitutto le forme localizzate e generalizzate della malattia.

Nella forma localizzata, le lesioni sono limitate alla superficie esterna del corpo, quando specifici elementi patologici compaiono sulla pelle e sulle mucose. Le forme generalizzate si manifestano in pazienti debilitati e sono caratterizzate da un danno non solo al tegumento esterno, ma anche agli organi interni.

Inoltre, ci sono tre gravità della malattia: lieve, moderata e grave. La gravità del decorso clinico è determinata dalla natura degli elementi patologici, dall'area della superficie interessata, dalla gravità dell'intossicazione e dalla prevalenza del processo.

Stabilendo la diagnosi, il medico indica la gravità del corso, la prevalenza del processo e la presenza di complicanze. Ad esempio: "Varicella, forma generalizzata, rotta severa. Complicazione: polmonite focale bilaterale.

Durante la varicella, come ogni altra malattia infettiva, ci sono quattro periodi:

  • incubazione (periodo di infezione latente);
  • prodromico (periodo di malessere generale, quando i sintomi specifici dell'infezione non sono ancora apparsi abbastanza chiaramente);
  • un periodo di sintomi clinici sviluppati;
  • periodo di recupero.
Il terzo periodo di varicella è chiamato il periodo di eruzione cutanea, perché sono il sintomo più caratteristico della malattia.

Incubazione e periodo prodromico con varicella

Il periodo di incubazione per la varicella va dai 10 ai 21 giorni, in questo momento non si osservano segni visibili della malattia.

I corpi virali intrappolati nel tratto respiratorio superiore penetrano nelle cellule dell'epitelio mucoso e cominciano a moltiplicarsi rapidamente lì. L'intero periodo di incubazione è l'accumulo di corpi virali. Dopo aver raggiunto una concentrazione significativa, l'infezione rompe le barriere protettive locali e penetra nel sangue in massa, causando viremia.

Clinicamente, la viremia si manifesta in sintomi prodromici come malessere, mal di testa, perdita di appetito e dolori muscolari. Tuttavia, la varicella è caratterizzata da un inizio rapido e acuto, il periodo prodromico è di solito solo poche ore, quindi i pazienti spesso non lo notano.
L'infezione con il sangue attraverso il flusso sanguigno e con la corrente del fluido interstiziale attraverso i vasi linfatici si diffonde attraverso il corpo ed è fissata principalmente nelle cellule epiteliali della pelle e delle membrane mucose del tratto respiratorio superiore. È anche possibile il danneggiamento del tessuto nervoso - cellule dei nodi dei nervi intervertebrali, della corteccia cerebrale e delle strutture sottocorticali.

In quei rari casi in cui la malattia si manifesta in forma generalizzata, le cellule del fegato, dei polmoni e del tratto gastrointestinale sono interessate.

La riproduzione intensiva del virus provoca sintomi tipici di un periodo di eruzione cutanea: eruzione cutanea, febbre e segni di avvelenamento generale del corpo.

Periodo di eruzione cutanea con varicella

L'eruzione della varicella è associata alla moltiplicazione del virus nelle cellule della pelle e delle mucose. Inizialmente, a causa dell'espansione locale di piccoli vasi, si verifica rossore, poi si sviluppa edema sieroso e si forma papule, un tubercolo infiammato sporgente.

In futuro, gli strati superiori della pelle si staccano, a seguito della quale si forma una bolla riempita con un liquido trasparente, la vescicola. A volte le vescicole si trasformano in pustole.

Le bolle riempite di liquido sieroso o di pus possono essere aperte, in questi casi, una superficie piangente si apre sotto di loro. Tuttavia, più spesso si asciugano, formando croste.

Inizialmente, un'eruzione cutanea appare sulla pelle del tronco e delle estremità, e poi sul viso e sul cuoio capelluto. Meno comunemente, un'eruzione compare sui palmi delle mani, suole, sulle mucose della bocca, sul rinofaringe, sugli organi genitali esterni, sulla congiuntiva degli occhi. Di regola, tali eruzioni cutanee indicano una forma grave della malattia. In questi casi, l'eruzione delle membrane mucose appare prima rispetto alla superficie della pelle.

La varicella è caratterizzata dall'emergere di nuovi elementi dell'eruzione cutanea - i cosiddetti "versati". Di conseguenza, per 3-4 giorni dopo la comparsa di un'eruzione sulla stessa area della pelle ci possono essere diversi elementi - macchie, papule, vescicole e croste

Elementi di varicella

Le bolle nella varicella, di norma, sono a camera singola e, con un decorso favorevole della malattia, si prosciugano rapidamente, trasformandosi in croste. Il numero di elementi dell'eruzione cutanea può essere diverso: da singole bolle, che possono essere facilmente contate, a eruzioni abbondanti, uno strato continuo che copre la pelle e le mucose.

Eruzione cutanea sulla superficie della pelle accompagnata da forte prurito. Le lesioni delle mucose della bocca, che si verificano in circa il 20-25% dei casi, sono accompagnate da un'eccessiva salivazione. Nella cavità orale, le vescicole si aprono rapidamente ed espongono la superficie erosa, che porta ad una sindrome del dolore pronunciata e difficoltà nel mangiare.

La febbre e i segni di avvelenamento generale del corpo sono più pronunciati durante il periodo in cui il virus entra nel flusso sanguigno. Pertanto, la temperatura aumenta notevolmente durante l'insorgenza dell'eruzione. Ogni eruzione ripetuta è accompagnata da un aumento della temperatura e dal deterioramento delle condizioni del paziente.
Avvelenamento generale del corpo si manifesta con debolezza, diminuzione dell'appetito, mal di testa, muscoli doloranti, disturbi del sonno. Spesso ci sono nausea e vomito. C'è una tendenza ad abbassare la pressione sanguigna.

Con le forme comuni della malattia, gli elementi caratteristici della varicella si formano sulle membrane mucose del tubo digerente, così come nei bronchi. Allo stesso tempo sul sito di erosioni di bolle si verificano rapidamente, che minaccia lo sviluppo di sanguinamento interno. Nei casi più gravi, il virus si moltiplica nelle cellule del fegato, causando focolai di necrosi.

L'agente eziologico della varicella colpisce spesso il tessuto nervoso e le variazioni possono variare da piccole deviazioni reversibili a difetti organici grossolani.

La polmonite da varicella è la forma più comune della malattia. In questi casi, la sindrome da intossicazione aumenta, la febbre raggiunge i 39-40 gradi e oltre. Compaiono pallore e bluore della pelle, tosse secca e dolorosa, mancanza di respiro.

Anche le lesioni del sistema nervoso, come la meningite (infiammazione delle meningi) e l'encefalite (infiammazione del cervello), sono abbastanza comuni. In tali casi, si osservano spesso vari tipi di disturbi della coscienza fino allo sviluppo di uno stato comatoso. Particolarmente grave è l'encefalite da varicella: la mortalità raggiunge il 20%.

Le malattie cardiache (miocardite, endocardite), fegato (epatite), rene (nefrite) e altri organi interni sono relativamente rari.

Il periodo di recupero per la varicella

Durante la permanenza del virus nel corpo, vengono attivati ​​tutti i collegamenti dell'immunità, che porta al rilascio del patogeno e delle cellule infette. Tuttavia, la barriera naturale non consente ai linfociti e agli anticorpi, ai virus-killer, di penetrare nei gangli nervosi, in modo che l'agente patogeno della varicella possa persistere per tutta la vita del paziente.

Poiché la varicella colpisce solo gli strati superficiali della pelle, l'eruzione di solito scompare senza lasciare traccia. Un po 'di tempo al posto delle croste cadute rimane la cosiddetta pigmentazione - decolorazione della pelle. Nel tempo, questo sintomo scompare completamente.

I sintomi clinici dei periodi di varicella dipendono dalla gravità della malattia.

Come può la perdita di varicella

Temperatura corporea normale o subfebrile (fino a 38 gradi Celsius), singoli elementi di eruzione cutanea sulla superficie cutanea, una condizione generale relativamente soddisfacente del paziente sono caratteristici del corso facile della varicella.

Con una malattia moderata, la febbre sale a 38-39 gradi e dura circa una settimana. Rash localizzato principalmente sulla pelle. La prognosi per questo corso di varicella è favorevole - le complicazioni, di regola, non si sviluppano e la malattia va via senza una traccia.

Con la varicella grave, si sviluppa una febbre estremamente alta (40 gradi Celsius e oltre), c'è una debolezza crescente, ci sono abbondanti eruzioni cutanee che coprono la superficie della pelle e delle mucose. Parlano anche di un corso severo nei casi in cui la malattia procede in una forma generalizzata. Inoltre, forme emorragiche, bollose e gangreno-necrotiche della malattia sono caratterizzate da un decorso grave.

La forma emorragica della varicella si verifica sullo sfondo di una maggiore permeabilità vascolare ed è caratterizzata dalla comparsa di vesciche piene di sangue, emorragie multiple sulla pelle e sulle mucose. Spesso ci sono complicazioni nella forma di sanguinamento nasale, uterino e gastrointestinale.

La forma bollosa della malattia è meno comune, quando sulla pelle compaiono delle bolle grandi e pigre piene di pus. La maggior parte dei pazienti con forma bollosa sono bambini piccoli con un sistema immunitario fortemente indebolito.

È estremamente raro avere una forma purulenta-necrotica di varicella, che è una combinazione delle forme bollose ed emorragiche. In tali casi, si forma una necrosi profonda nel sito di vescicole aperte e si sviluppa un'infezione del sangue.

Grave varicella, di regola, indica l'insufficienza delle difese del corpo (AIDS, leucemia, distrofia, tumori maligni, tubercolosi, sepsi (infezione del sangue)).

Caratteristiche del corso di varicella negli adulti

Impatto sul feto

Il virus varicella-zoster penetra facilmente nella placenta e influenza negativamente lo sviluppo del feto. Quindi, se una madre ha avuto la varicella o ha avuto l'herpes zoster nei primi tre o quattro mesi di gravidanza, la probabilità di avere un bambino con la cosiddetta sindrome da varicella (distrofia, sottosviluppo degli arti, difetti agli occhi, cicatrici della pelle, seguita da marcato sviluppo psicomotorio) è piuttosto alta.

Nelle fasi successive della gravidanza, l'infezione intrauterina del feto non è così pericolosa. Tuttavia, nei casi in cui l'infezione si è verificata alla vigilia o durante il parto, si sviluppa la varicella congenita. Questa malattia è sempre abbastanza difficile (la mortalità raggiunge il 20%).

Cura per la varicella malata: come proteggere te stesso e gli altri dall'infezione

Sfortunatamente, la varicella è una malattia particolarmente contagiosa, cioè particolarmente infettiva, quindi è quasi impossibile proteggersi dall'infezione mentre si trova nello stesso appartamento con il paziente.

L'unica cosa che conforta: la maggior parte degli adulti, di regola, ha il tempo di trasferire questa malattia durante l'infanzia, mentre i bambini hanno una varicella relativamente facile.

I medici consigliano ai bambini che sono stati in contatto con la varicella malata per 21 giorni di non frequentare le istituzioni per bambini, in modo da non mettere in pericolo l'infezione degli altri.

Il bambino malato può essere inviato all'istituto dei bambini il giorno in cui tutti gli elementi dell'eruzione sono coperti da croste - da questo momento il paziente è già contagioso.

Il virus è instabile nell'ambiente, quindi non devono essere eseguite misure speciali per la disinfezione.

Trattamento di varicella

Terapia farmacologica

Le tattiche terapeutiche per la varicella dipendono dalla gravità del decorso clinico della malattia, dall'età del paziente e dalle condizioni generali del corpo.

Con un ciclo di trattamento lieve e moderato, di solito effettuato a casa. Nelle forme gravi di varicella e nei casi di alto rischio di complicanze (presenza di malattie concomitanti che portano ad una diminuzione dell'immunità), il paziente viene posto nella scatola chiusa del reparto infezione.

Ad oggi, è stata sviluppata una terapia antivirale per la varicella. Gli adolescenti e gli adulti sono prescritti 800 mg di aciclovir per via orale 5 volte al giorno per una settimana. Questo farmaco aiuterà anche i bambini fino a 12 anni se prescritti entro e non oltre il primo giorno di malattia (20 mg / kg di peso corporeo 4 volte al giorno).

I pazienti con aciclovir immunocompromesso per varicella sono raccomandati di iniettare per via endovenosa 10 mg / kg di peso corporeo 3 volte al giorno per 7 giorni.

Va notato che molti medici ritengono che la terapia antivirale per la varicella in caso di malattia lieve o moderata sia inopportuna.

Se la malattia si manifesta con febbre superiore a 38-38,5 gradi, è meglio prendere il paracetamolo (Efferalgan, Panadol) come febbrifugo, che non influisce negativamente sul sistema immunitario.

L'uso dell'acido acetilsalicilico (aspirina) è severamente proibito, perché questo medicinale può causare la sindrome emorragica nella varicella (un'eruzione sanguinolenta, epistassi, ecc.).
Molti esperti consigliano invece antipiretici di assumere antistaminici, come la claritina. Ai bambini da 2 a 12 anni viene prescritto un cucchiaio di sciroppo 1 volta al giorno, adolescenti e adulti 1 compressa (10 mg) 1 volta al giorno.

Cura generale

Al fine di prevenire l'infezione secondaria degli elementi di varicella, è necessario curare attentamente le superfici della pelle colpite. Si raccomanda un frequente cambio di biancheria e lubrificazione delle eruzioni cutanee con una soluzione alcolica di colore verde brillante (verde brillante).

Molti esperti sono molto scettici sull'effetto terapeutico di Zelenka, dal momento che tali procedure alla fine non contribuiscono alla rapida guarigione dell'eruzione. Tuttavia, tale cauterizzazione riduce temporaneamente il prurito doloroso e ha un effetto disinfettante, impedendo la penetrazione dei batteri e lo sviluppo di pustole.

Inoltre, la lubrificazione di elementi di varicella con vernice verde consente di identificare facilmente eruzioni cutanee e monitorare l'andamento della malattia.

In caso di eruzioni cutanee nella cavità orale, si consiglia di utilizzare la furatsilina e le preparazioni di piante medicinali ad azione antinfiammatoria (succo di colanima, calendula, corteccia di quercia) per il risciacquo antisettico. Nei casi in cui l'eruzione si trova sulla congiuntiva dell'occhio, gocce di interferone prescritte.

Poiché la malattia procede con segni di avvelenamento generale del corpo, i pazienti sono invitati a prendere abbastanza liquidi in modo che le tossine vengano rimosse dal corpo più rapidamente.

I pasti dovrebbero essere completi e contenere una maggiore quantità di proteine ​​e vitamine. È meglio dare la preferenza a cibi facilmente digeribili (dieta a base di latte e vegetali). Con la sconfitta della mucosa della bocca, dovresti escludere i piatti aspri e aspri.

Il riposo a letto con la varicella è prescritto solo in caso di malattia grave, il surriscaldamento dovrebbe essere evitato, poiché il calore eccessivo aumenta il prurito.

Gli esperti domestici hanno tradizionalmente raccomandato di smettere di fare il bagno durante le eruzioni cutanee, mentre, ad esempio, i pediatri americani, al contrario, consigliano di fare bagni per lenire il prurito.

Naturalmente, in quei casi in cui la stanza è troppo calda e il bambino soffre di prurito, è meglio fare una doccia e poi tamponare delicatamente la pelle con un asciugamano.

Prevenzione della varicella con vaccinazione

In alcuni paesi del mondo, ad esempio, in Giappone vengono utilizzate vaccinazioni profilattiche contro la varicella. Sono abbastanza efficaci e sicuri.

Tuttavia, dal momento che la varicella nei bambini è mite, la vaccinazione è prescritta esclusivamente da indicazioni (la presenza di gravi malattie che abbassano l'immunità).

Conseguenze della varicella

Di norma, la varicella passa senza conseguenze per il corpo. A volte piccole cicatrici sotto forma di ospinosi possono rimanere sulla pelle, il più delle volte si verifica quando i bambini si pettinano un'eruzione pruriginosa o quando c'è una suppurazione secondaria delle bolle. L'eruzione cutanea sulla congiuntiva dell'occhio passa senza lasciare traccia.

Le conseguenze più gravi si riscontrano quando le eruzioni cutanee sono combinate con lesioni del sistema nervoso centrale. Forse lo sviluppo di ritardo mentale, epilessia, paralisi, ecc.
Le forme maligne di varicella, come le infezioni bollose, emorragiche, cancreniche e generalizzate, sono caratterizzate da una prognosi sfavorevole. In questi casi, la mortalità può raggiungere il 25% o più, ei sopravvissuti possono avere gravi cicatrici sulla pelle in luoghi di eruzione patologica, gravi cambiamenti irreversibili negli organi interni e nel sistema nervoso.

In generale, l'esito della varicella dipende dalle comorbidità e dallo stato del sistema immunitario. Le complicanze gravi e le morti sono più comuni nei bambini e negli anziani.

È possibile recuperare la varicella

Come curare la varicella durante la gravidanza?

Le donne incinte hanno maggiori probabilità di sviluppare complicanze della varicella, in particolare si riscontra spesso polmonite virale con un tasso di mortalità del 38%.

Inoltre, il virus della varicella è in grado di attraversare la placenta e causare gravi anomalie nello sviluppo del feto (nella prima metà della gravidanza) e forme estremamente gravi di varicella congenita nei neonati (quando infetto alla vigilia del parto).

Per evitare il tragico sviluppo di eventi, alle donne in gravidanza viene somministrata l'immunizzazione passiva (somministrazione di una specifica immunoglobulina).

Altrimenti, il trattamento della varicella durante la gravidanza è lo stesso di altre categorie di pazienti.

Come si manifesta la varicella: sintomi nelle foto

La varicella (varicella) è la malattia infettiva più comune nel nostro tempo. Di regola, i bambini da età prescolare fino a 10 anni sono ammalati. Spesso si verifica negli adulti, ma in forma più grave e spesso causa complicanze.

Cosa causa la varicella

Durante l'infanzia questa malattia causa una sottospecie del virus dell'herpes - la varicella. Negli adulti, è una forma di fuoco di Sant'Antonio. Questi agenti patogeni sono altamente contagiosi, ma per lo più non pericolosi. Di solito, la malattia è facilmente tollerabile, ma a volte causa una serie di gravi complicazioni.

Come si verifica l'infezione?

Nei gruppi di bambini, la varicella ha un carattere epidemiologico, interessando gradualmente ogni membro di un gruppo o classe che non ha immunità al patogeno. Il meccanismo di infezione è in volo. L'agente patogeno entra nel corpo attraverso l'inalazione e si diffonde in tutto il corpo.

L'infezione può verificarsi non necessariamente attraverso il contatto con una persona malata, ma anche a distanza. Basta trascorrere un po 'di tempo nella stessa stanza con una persona malata. L'infezione degli adulti di solito si verifica da un bambino malato.

Quando è infetto nelle ultime fasi della gravidanza, la malattia può essere trasmessa al feto, in questo caso, alla nascita, il bambino riceve la varicella congenita, che è molto difficile e può essere fatale.

Dopo quanti giorni appare la varicella

Dal contatto con gli ammalati alle prime manifestazioni visibili della malattia, occorrono da alcuni giorni a tre settimane. Questa è l'astuzia della malattia - una persona è contagiosa pochi giorni prima che compaiano i primi sintomi.

Come identificare

Avendo sofferto la varicella, una persona riceve un'immunità duratura per la vita. Il rischio di infezione dopo il contatto con il trasportatore è molto alto in quelle persone che non hanno ancora avuto questa malattia.

Pertanto, se sei a conoscenza del contatto con una persona malata, sii attento a tutti i cambiamenti nella tua salute nelle prossime due settimane.

Se non ti senti bene, la febbre e, soprattutto, l'aspetto di un'eruzione cutanea, devi stare a casa e dottore.

Come è la varicella nei bambini

I seguenti segni aiuteranno a riconoscere l'esordio della varicella nei bambini:

  • La temperatura sale a 38 ° (nei casi gravi sopra i 40 °), i sintomi di ARVI sono spesso presenti - malessere generale, naso che cola, starnuti.
  • L'aspetto sulla pelle dell'erazione da varicella che colpisce tutto il corpo e si manifesta anche nella testa e nelle mucose.
  • La presenza simultanea sulla pelle di tutte le fasi dell'eruzione.
  • La natura ondulatoria delle nuove eruzioni.

Come manifestato negli adulti

Le manifestazioni iniziali della varicella negli adulti sono le stesse dei bambini, ma il più delle volte la temperatura è un po 'più alta e dura più a lungo. A differenza dei bambini, i linfonodi possono infiammarsi, più spesso vi è debolezza, nausea e vomito.

Immagine spiegata

Una manifestazione sorprendente di questa malattia è la varicella. I seguenti fenomeni caratteristici aiuteranno a distinguerlo da altri tipi di eruzioni cutanee:

  • Piccoli tubercoli rossi appaiono sulla pelle, trasformandosi rapidamente in papule, leggermente sporgenti sopra la superficie della pelle e riempiti con un liquido trasparente. L'eruzione cutanea può anche essere osservata nella cavità nasale e orale, sui genitali.
  • La dimensione di papule da 3 a 10 mm.
  • All'inizio puoi vedere una o due bolle, ma dopo un paio d'ore il numero aumenta, catturano rapidamente tutto il corpo.
  • Dopo un po 'le vesciche si aprono e si asciugano formando croste pruriginose.
  • Un quadro caratteristico è la presenza di macchie rosse, vescicole, papule e croste sulla pelle allo stesso tempo.
  • Le eruzioni si verificano in onde, di regola, accompagnate da un aumento della temperatura.
  • Si osservano un aumento e la tenerezza dei linfonodi cervicali e zaushny.
  • Malessere generale, debolezza, perdita di appetito.
  • Poiché gli adulti sono più difficili da tollerare questa malattia, possono iniziare un'intossicazione generale del corpo.
  • Spesso i pazienti sono preoccupati per il forte prurito di tutto il corpo.
  • Le croste spariscono da sole in 4-6 giorni.

Flusso pesante (atipico)

In generale, questa malattia è facilmente tollerata da persone sane. Ma in alcuni casi nei bambini, e più spesso negli adulti, questa malattia può verificarsi in forma grave.

Un decorso severo è caratterizzato dall'apparizione di un'eruzione emorragica. Al secondo o terzo giorno dall'inizio della malattia, l'eruzione si scurisce, diventa marrone, la temperatura sale a 40 °, appare la febbre. Il pericolo di un tale decorso della malattia è che colpisce gli organi interni e causa emorragie.

Per il trattamento dell'herpes, i nostri lettori usano con successo il metodo di Elena Makarenko. Maggiori informazioni >>>

Quando le mucose delle vie respiratorie sono colpite, possono iniziare le epistassi, le lesioni della mucosa esofagea e gastrica causano vomito sanguinante. Fortunatamente, questo tipo di manifestazione della varicella non è comune, ma quando si verifica, è indicata l'ospedalizzazione.

Un'altra terribile complicazione della malattia è la lesione cutanea gangrena, che provoca la morte dei tessuti (necrosi), ulcerazione. Il decorso della forma cancrenosa è sempre difficile, poiché spesso c'è un'infezione batterica secondaria. Il trattamento viene effettuato in modo permanente.

E uno dei più pericolosi tipi di complicanze della varicella è generalizzato. In questo caso, le lesioni si diffondono a tutti gli organi interni, incluso il cervello. Accompagnato da grave intossicazione del corpo, provoca l'encefalite da varicella. Questa forma si manifesta in una persona con un sistema immunitario indebolito, in caso di comparsa di ricovero di emergenza è indicato.

Trattamento di varicella

Non esiste un trattamento specifico. È necessario adottare misure per eliminare i sintomi:

  • Chiamare un medico a casa, ridurre al minimo il contatto con altre persone.
  • Mantieni il corpo pulito, spazzola brevemente e limita le unghie.
  • Indossare solo abiti puliti realizzati con materiali naturali, monitorare la pulizia della biancheria da letto.
  • Durante il periodo di eruzione attiva del bambino non può fare il bagno, gli adulti possono tranquillamente fare la doccia senza l'utilizzo di una salvietta. Non puoi pulire la pelle con un asciugamano, solo un po 'bagnato.
  • Per prevenire la penetrazione di un'infezione batterica, alleviare il prurito e accelerare l'asciugatura delle vesciche, l'eruzione dovrebbe essere lubrificata con vernice verde, soluzione di furatsilina, permanganato di potassio, perossido o lozione di calamina. Anche una soluzione efficace di rivanolo, soluzione di metilene, unguento aciclovir. Trattare i punti nel periodo di eruzione cutanea è necessario come appaiono. Ispezionare la pelle, applicare fondi, sia su nuove eruzioni cutanee, sia su quelli che sono stati precedentemente trattati.
  • Con l'aumento della temperatura corporea si vedono farmaci antipiretici.
  • Dal forte prurito è prescritto un farmaco antistaminico.
  • All'atto di manifestazione di eruzione in una bocca che risciacqui con soluzione furatsilin dopo che il cibo è mostrato.
  • Non puoi provare a strappare le croste essiccate, in questo caso la ferita può essere facilmente infettata e al suo posto in futuro ci sarà una cicatrice.
  • In alcuni casi, il medico prescrive farmaci antivirali.

Agli albori dell'inizio della malattia sono necessari riposo a letto, dieta e abbondanti bevute. È necessario escludere dalla dieta qualsiasi alimento che possa provocare una reazione allergica - cioccolato, agrumi, frutti di mare, succhi di frutta. Leggi anche - come spalmare una varicella fatta eccezione per la roba verde.

Se un bambino è malato, assicurati di non pettinare l'eruzione e di strappare la crosta. Durante l'aumento della temperatura possono verificarsi forti pruriti e bruciore. Il bambino sta piangendo, preoccupato. Cerca di distrarlo dal disagio di un gioco interessante, una storia o un'occupazione congiunta. Se il bambino non si sofferma su questi sentimenti, il disagio passerà rapidamente.

Contrariamente alla credenza popolare, le passeggiate durante questo periodo possono essere fatte e anche necessarie, ma solo con un soddisfacente benessere e l'assenza di una temperatura elevata. Certo, non puoi giocare con altri bambini per strada, ma puoi semplicemente camminare a piedi. L'aria fresca avrà un buon effetto sulle condizioni generali. Piccole passeggiate aiuteranno a distrarre il bambino dalla prurito della pelle.

Durata della malattia

In casi non complicati, sono necessarie 2-3 settimane, escluso il periodo di incubazione. Il periodo di eruzioni cutanee è del tutto individuale. In casi lievi, 3-4 giorni, in gravi - fino a 15 giorni.

In media, in 7-10 giorni, la comparsa di nuove eruzioni cessa, le croste si seccano e scompaiono. La pelle viene completamente pulita dopo 2 settimane.

Negli adulti, la durata della malattia è un po 'più lunga rispetto ai bambini, il numero di lesioni è più abbondante. La formazione e la morte delle croste richiede più tempo di quella di un bambino.

Quando le croste scompaiono, i granelli rosa chiaro, secchi al tatto, possono rimanere al loro posto. Possono essere lubrificati con qualsiasi olio vegetale - semi di lino, oliva o girasole. Le macchie si schiariscono rapidamente e la pelle acquisisce un'ombra liscia, senza lasciare traccia dell'eruzione.

complicazioni

La maggior parte dei bambini di persone con una buona immunità tollerano facilmente la malattia. Tuttavia, una forma grave della malattia può essere una tale complicanza come:

  • Malattie del nervo ottico.
  • Perdita di vista
  • Polmonite varicella.
  • Gli aborti, la natimortalità, le anomalie congenite del feto nelle donne in gravidanza.
  • Meningite.
  • Infiammazione delle articolazioni, artrite.
  • Gengivite, stomatite
  • Congiuntivite purulenta.
  • Otite.
  • Miocardite.
  • Laringite varicella o tracheite.
  • Infiammazione del fegato e dei reni.

Pertanto, è molto importante chiamare un medico alle prime manifestazioni dei sintomi della varicella, seguire tutte le raccomandazioni e monitorare attentamente le condizioni del corpo. Un improvviso innalzamento della temperatura a 40 ° e più, febbre, confusione, oscuramento dell'eruzione cutanea sono segnali molto inquietanti, chiamare immediatamente un'ambulanza.

C'è una diffusa convinzione che la varicella sia più facile da recuperare durante l'infanzia, al fine di evitare forme gravi e complicazioni negli adulti. La maggior parte degli esperti è incline a concordare con questa opinione: se il bambino è sano, allora soffrirà facilmente questa malattia.

  • Sei afflitto da prurito e bruciore nelle eruzioni cutanee?
  • L'aspetto delle vesciche non aumenta la tua fiducia in te stesso...
  • E in qualche modo imbarazzante, specialmente se soffri di herpes genitale...
  • E gli unguenti e le medicine raccomandate dai medici per qualche motivo non sono efficaci nel tuo caso...
  • Inoltre, le ricadute costanti sono già entrate nella tua vita...
  • E ora sei pronto per approfittare di ogni opportunità che ti aiuterà a liberarti dell'herpes!

Esiste un rimedio efficace per l'herpes. Segui il link e scopri come Elena Makarenko si è curata dell'herpes genitale in 3 giorni!